Location,TX 75035,USA

008 – 22 Maggio 2022 6a Domenica di Pasqua Omelia di don Angelo

ArteMusicaPoesia

008 – 22 Maggio 2022 6a Domenica di Pasqua Omelia di don Angelo

Occhi inteneriti per una donna che partorisce

22 maggio 2022 sesta domenica di Pasqua

omelia di don Angelo

Il brano di vangelo che oggi abbiamo ascoltato mi è parso come un rincorrersi, dalla prima all’ultima riga, di campane: uno scampanio di verbi al futuro. Dunque c’è un futuro.

Decine di verbi al futuro. E poi, tra rintocchi di futuro, ecco sgusciare la parola “un poco”, misteriosa per i discepoli e non senza ombre per noi: “Un poco e non mi vedrete più; un poco ancora e mi vedrete”.

I verbi al futuro riguardano Gesù e riguardano noi. Quella di Gesù non è un’avventura chiusa, apre il futuro. E quindi preziosa per tutti coloro che, donne e uomini, non hanno spento, né si lasciano spegnere, il desiderio. Che credono nel futuro, lo sperano contro ogni speranza.

Il futuro riguarda anche il nostro bisogno di svelamento di senso, bisogno di capire: riguarda un senso di incompiuto, che a volte ci affatica. “La fatica della luce” direbbe, con il titolo di un suo libro, una cara amica, Gabriella Caramore.  Gesù sa chi siamo; ha tenerezza per le spalle, le nostre, per natura non da giganti. Ci commuove, sentite: “Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso”.

Ci promette una venuta. Che non sopprime il desiderio. Non ci promette uno svelamento totale, immediato, nè un cammino concluso una volta per tutte. Ci promette il venire in noi e fra noi del suo Spirito, che – notate il verbo – guiderà: “Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità”. Ci è promesso un cammino con guida. Di svelamento in svelamento, e l’avventura preziosa di una guida.

Prezioso avere guide di montagna. Vorrei confidarvi che, per come sono fatto, mentre mi innamoro delle guide, mi fanno paura, mi prende aria di soffocamento, appena in vista di coloro che immobili sanno tutto, pontificano dall’alto, imponenti. Salvo poi, a un minimo scarto, subire deragliamento.

Guida per noi lo Spirito in questo nostro quotidiano andare:

Incontenibile andare

di monte in monte

inquieti dietro un mistero

che sempre ti seduce

da un’altra valle.

Ogni volta che apriamo una pagina di vangelo, o una pagina – serena o inquieta che sia – della vita, sarebbe prezioso ricordare la promessa. E sentire accanto una guida. Perché questo è il  suo compito: “Non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future”.

Ci farà migrare – pensate che grazia – nelle parole di Gesù. Quelle dette e quelle in sospeso. E ci annuncerà le cose future. Che non significa, certo, favorirci nei pronostici, ma evocare le cose che hanno un futuro, quelle che non appassiscono nel pallido giro di una giornata. Le cose che hanno un futuro: le pensassimo, le ricordassimo!

A proposito di cose che hanno un futuro, perdonate questo mio cenno, meno rilevante e forse anche un po’ azzardato, al brano degli Atti che oggi abbiamo ascoltato: “Paolo, in piedi sui gradini, fece cenno con la mano al popolo; si fece un grande silenzio ed egli si rivolse loro ad alta voce in lingua ebraica, dicendo: «Fratelli e padri, ascoltate ora la mia difesa davanti a voi». Quando sentirono che parlava loro in lingua ebraica, fecero ancora più silenzio”. Voi mi capite, come se fossero fermi al presente, alla loro lingua, alle loro tradizioni. Ebbene, quando si ruppe il silenzio? Quando Paolo, dopo aver evocato la sua illuminazione sulla strada di Damasco, ricordò che, in una successiva visione, da Gesù gli furono rivolte queste parole: “Va’, perché io ti manderò lontano, alle nazioni”. Fino a queste parole erano stati ad ascoltarlo, ma a questo punto alzarono la voce gridando: “Togli di mezzo costui; non deve più vivere!”. Impenetrabili alle cose che hanno un futuro: andare lontano, le nazioni. E noi? Le cose che hanno un futuro? O ci attardiamo? Abbarbicati!

E ora un commento breve all’espressione di Gesù “un poco”. Ora i discepoli per un poco lo vedono; poi, un poco, e più non lo vedranno: inghiottito nel buio di un venerdì che chiamiamo santo; poi per un poco ancora lo vedranno: sfuggito all’insulto della morte; un poco e lo vedranno portato nei cieli.

La parola mi ha fatto pensare alla vita fatta di eventi segnati dal “poco”, una vita fatta di poco, ma di un poco che è prezioso nel suo essere, una vita fatta di traversate serene e burrascose, di cieli limpidi e sporcati da ordigni di morte, di entusiasmi e di lentezze. E Dio non toglie le bufere, né gli ordigni, né le fatiche. E nemmeno il grido della donna che partorisce. Ci sta accanto. Perché non veniamo meno  al nostro compito sulla terra.

Mi hanno commosso gli occhi di Gesù inteneriti per la donna che partorisce, per il suo grido e la sua gioia. Il suo Spirito compagno di grido e di gioia. Mi commuove pensare agli uomini che oggi in sala parto tengono per mano la loro donna che sta partorendo.

Si sentiva tenuta per mano Etty Hillesum, morta a 29 anni in un campo di concentramento. Lei, il cuore pensante della baracca, così scrive in una pagina del suo diario: “Mio Dio, prendimi per mano, ti seguirò da brava, non farò troppa resistenza. Non mi sottrarrò a nessuna delle cose che mi verranno addosso in questa vita, cercherò di accettare tutto e nel modo migliore. Ma concedimi di tanto in tanto un breve momento di pace. Non penserò più, nella mia ingenuità, che un simile momento debba durare in eterno, saprò anche accettare l’irrequietezza e la lotta. Il calore e la sicurezza mi piacciono, ma non mi ribellerò se mi toccherà stare al freddo purché tu mi tenga per mano. Andrò dappertutto allora, e cercherò di non avere paura. E dovunque mi troverò, io cercherò di irraggiare un po’ di quell’amore, di quel vero amore per gli uomini che mi porto dentro. Ma non devo neppure vantarmi di questo ‘amore’. Non so se lo possiedo. Non voglio esser niente di così speciale, voglio solo cercare di essere quella che in me chiede di svilupparsi pienamente. A volte credo di desiderare l’isolamento di un chiostro. ma dovrò realizzarmi tra gli uomini, e in questo mondo. E lo farò, malgrado la stanchezza e il senso di ribellione che ogni tanto mi prendono. Prometto di vivere questa vita sino in fondo, di andare avanti” (Diario, Adelphi, 2012, p. 238).

Questa vita, sino in fondo, tenuti per mano.

Le Letture

LETTURA At 21, 40b – 22, 22

Lettura degli Atti degli Apostoli

In quei giorni. Paolo, in piedi sui gradini, fece cenno con la mano al popolo; si fece un grande silenzio ed egli si rivolse loro ad alta voce in lingua ebraica, dicendo: «Fratelli e padri, ascoltate ora la mia difesa davanti a voi». Quando sentirono che parlava loro in lingua ebraica, fecero ancora più silenzio. Ed egli continuò: «Io sono un Giudeo, nato a Tarso in Cilìcia, ma educato in questa città, formato alla scuola di Gamaliele nell’osservanza scrupolosa della Legge dei padri, pieno di zelo per Dio, come oggi siete tutti voi. Io perseguitai a morte questa Via, incatenando e mettendo in carcere uomini e donne, come può darmi testimonianza anche il sommo sacerdote e tutto il collegio degli anziani. Da loro avevo anche ricevuto lettere per i fratelli e mi recai a Damasco per condurre prigionieri a Gerusalemme anche quelli che stanno là, perché fossero puniti. Mentre ero in viaggio e mi stavo avvicinando a Damasco, verso mezzogiorno, all’improvviso una grande luce dal cielo sfolgorò attorno a me; caddi a terra e sentii una voce che mi diceva: “Saulo, Saulo, perché mi perséguiti?”. Io risposi: “Chi sei, o Signore?”. Mi disse: “Io sono Gesù il Nazareno, che tu perséguiti”. Quelli che erano con me videro la luce, ma non udirono la voce di colui che mi parlava. Io dissi allora: “Che devo fare, Signore?”. E il Signore mi disse: “Àlzati e prosegui verso Damasco; là ti verrà detto tutto quello che è stabilito che tu faccia”. E poiché non ci vedevo più, a causa del fulgore di quella luce, guidato per mano dai miei compagni giunsi a Damasco. Un certo Anania, devoto osservante della Legge e stimato da tutti i Giudei là residenti, venne da me, mi si accostò e disse: “Saulo, fratello, torna a vedere!”. E in quell’istante lo vidi. Egli soggiunse: “Il Dio dei nostri padri ti ha predestinato a conoscere la sua volontà, a vedere il Giusto e ad ascoltare una parola dalla sua stessa bocca, perché gli sarai testimone davanti a tutti gli uomini delle cose che hai visto e udito. E ora, perché aspetti? Àlzati, fatti battezzare e purificare dai tuoi peccati, invocando il suo nome”. Dopo il mio ritorno a Gerusalemme, mentre pregavo nel tempio, fui rapito in estasi e vidi lui che mi diceva: “Affréttati ed esci presto da Gerusalemme, perché non accetteranno la tua testimonianza su di me”. E io dissi: “Signore, essi sanno che facevo imprigionare e percuotere nelle sinagoghe quelli che credevano in te; e quando si versava il sangue di Stefano, tuo testimone, anche io ero presente e approvavo, e custodivo i vestiti di quelli che lo uccidevano”. Ma egli mi disse: “Va’, perché io ti manderò lontano, alle nazioni”». Fino a queste parole erano stati ad ascoltarlo, ma a questo punto alzarono la voce gridando: «Togli di mezzo costui; non deve più vivere!».

Commento al filmato:è una testimonianza drammatica quella di Paolo davanti ai giudei, da accanito persecutore dei cristiani, si sta trasformando nello straordinario “Apostolo delle Genti” che conosciamo e i giudei non possono accettarlo; nel filmato che racconta il discorso di Paolo, i Violini, la Viola e il Violoncello dello spettacolare “Allegro assai vivace, ma serioso”dal Quartettoin Fa min “Serioso” di Beethoven, si impegnano in un dialogo serrato a tratti veemente, a tratti dolcissimo, emozionante:

Dopo il mio ritorno a Gerusalemme, mentre pregavo nel tempio, fui rapito in estasi e vidi lui che mi diceva: “Affréttati ed esci presto da Gerusalemme, perché non accetteranno la tua testimonianza su di me”. E io dissi: “Signore, essi sanno che facevo imprigionare e percuotere nelle sinagoghe quelli che credevano in te; e quando si versava il sangue di Stefano, tuo testimone, anche io ero presente e approvavo, e custodivo i vestiti di quelli che lo uccidevano”. Ma egli mi disse: “Va’, perché io ti manderò lontano, alle nazioni”».

SALMO Sal 66 (67)

Popoli tutti, lodate il Signore, alleluia!

Oppure Alleluia, alleluia, alleluia.

Dio abbia pietà di noi e ci benedica,

su di noi faccia splendere il suo volto;

perché si conosca sulla terra la tua via,

la tua salvezza fra tutte le genti. R

Gioiscano le nazioni e si rallegrino,

perché tu giudichi i popoli con rettitudine,

governi le nazioni sulla terra. R

Ti lodino i popoli, o Dio,

ti lodino i popoli tutti.

Ci benedica Dio, il nostro Dio,

e lo temano tutti i confini della terra. R

Commento al filmato:è con una incontenibile esplosione di gioia e di esultanza che l’Oboe e l’Orchestra del meraviglioso “Allegro” del Concerto in Fa Magg. di Vivaldi, cantano il Responsoriale Popoli tutti, lodate il Signore, alleluia! tratto dal Salmo 66/67:

Gioiscano le nazioni e si rallegrino, perché tu giudichi i popoli con rettitudine, governi le nazioni sulla terra 

EPISTOLA Eb 7, 17-26

Lettera agli Ebrei

Fratelli, a Cristo è resa questa testimonianza: «Tu sei sacerdote per sempre secondo l’ordine di Melchìsedek». Si ha così l’abrogazione di un ordinamento precedente a causa della sua debolezza e inutilità – la Legge infatti non ha portato nulla alla perfezione – e si ha invece l’introduzione di una speranza migliore, grazie alla quale noi ci avviciniamo a Dio. Inoltre ciò non avvenne senza giuramento. Quelli infatti diventavano sacerdoti senza giuramento; costui al contrario con il giuramento di colui che gli dice: «Il Signore ha giurato e non si pentirà: tu sei sacerdote per sempre». Per questo Gesù è diventato garante di un’alleanza migliore. Inoltre, quelli sono diventati sacerdoti in gran numero, perché la morte impediva loro di durare a lungo. Egli invece, poiché resta per sempre, possiede un sacerdozio che non tramonta. Perciò può salvare perfettamente quelli che per mezzo di lui si avvicinano a Dio: egli infatti è sempre vivo per intercedere a loro favore. Questo era il sommo sacerdote che ci occorreva: santo, innocente, senza macchia, separato dai peccatori ed elevato sopra i cieli.

Commento al filmato: è di una travolgente bellezza questo “Allemanda. Allegro”della Sonata in Si min di Vivaldi – Violino e Violoncello si scatenano in un irruente, gioioso canto di esultanza:

Cristo, sommo sacerdote elevato sopra i cieli.

Tu sei sacerdote per sempre secondo l’ordine di Melchìsedek.

VANGELO Gv 16, 12-22

✠ Lettura del Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo. Il Signore Gesù disse ai discepoli: «Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Un poco e non mi vedrete più; un poco ancora e mi vedrete». Allora alcuni dei suoi discepoli dissero tra loro: «Che cos’è questo che ci dice: “Un poco e non mi vedrete; un poco ancora e mi vedrete”, e: “Io me ne vado al Padre”?». Dicevano perciò: «Che cos’è questo “un poco”, di cui parla? Non comprendiamo quello che vuol dire». Gesù capì che volevano interrogarlo e disse loro: «State indagando tra voi perché ho detto: “Un poco e non mi vedrete; un poco ancora e mi vedrete”? In verità, in verità io vi dico: voi piangerete e gemerete, ma il mondo si rallegrerà. Voi sarete nella tristezza, ma la vostra tristezza si cambierà in gioia. La donna, quando partorisce, è nel dolore, perché è venuta la sua ora; ma, quando ha dato alla luce il bambino, non si ricorda più della sofferenza, per la gioia che è venuto al mondo un uomo. Così anche voi, ora, siete nel dolore; ma vi vedrò di nuovo e il vostro cuore si rallegrerà e nessuno potrà togliervi la vostra gioia».

Commento al filmato:nell’emozionante “Tempo introduction: Largo”del Concerto di Franci Poulenc, l’Organo canta con armonie arcane, quasi misteriose, il discorso di addio di Gesù – i discepoli non comprendono, e la tristezza si impadronisce del loro cuore e anche del nostro cuore, ma le ultime esplosive note dell’Organo cantano la promessa della gioia futura: 

La donna, quando partorisce, è nel dolore, perché è venuta la sua ora; ma, quando ha dato alla luce il bambino, non si ricorda più della sofferenza, per la gioia che è venuto al mondo un uomo. Così anche voi, ora, siete nel dolore; ma vi vedrò di nuovo e il vostro cuore si rallegrerà e nessuno potrà togliervi la vostra gioia».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.