Location,TX 75035,USA

14 Agosto 2022 10a Domenica dopo Pentecoste Omelia di don Angelo

ArteMusicaPoesia

14 Agosto 2022 10a Domenica dopo Pentecoste Omelia di don Angelo

Se proteggi il tuo cuore di bambino

Decima domenica dopo Pentecoste

14 agosto  2022

omelia di don Angelo

Indugio sul brano di Luca. Non posso non dirvi che questo sforbiciare brani di vangelo, per come sono fatto, è come togliere loro il colore.

Il brano liturgico inizia con un generico “in quel tempo”: “In quel tempo Gesù disse «Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio»”. Così di punto in bianco. Ma dov’era Gesù e che cosa era capitato e che cosa aveva ancora negli occhi? Hanno tagliato il versetto, eccolo “Quando Gesù lo vide così triste, disse: «Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio»”.

Pensate, c’è di mezzo una persona e una tristezza: sono parole, quelle di Gesù, dopo un dilagare di tristezza negli occhi. Erano per strada. E quello, dagli occhi fatti tristi, chi era? Era, al dire di Luca, uno importante. Importante e ricco. Gli aveva chiesto conto su come ereditare la vita eterna. Certo, osservare i comandamenti! Ma lui li aveva osservati dalla giovinezza. E allora Gesù gli disse: “Vendi … distribuisci ai poveri … vieni e seguimi”. “Ma quello, udite queste parole, divenne assai triste perché era molto ricco”. Qui nascono le parole di Gesù: “Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio”.

Difficile, ma non impossibile, dice Gesù. E infatti di lì a poco – inizio del capitolo successivo – Luca racconterà di un altro uomo ricco: questa volta c’è il nome – e se lo merita – Zaccheo, uno che la salvezza, pensate, gli entra in casa. Non era un immacolato, aveva anche ricchezze di dubbia provenienza, ma non era posseduto dal demone dei beni. E’ scritto che una volta in casa, dopo discesa frettolosa dal sicomoro, alzatosi, disse al Signore: “Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto”. Gesù gli rispose: “Oggi per questa casa è venuta la salvezza!”.

Storie ad uscio. E in controtendenza

Ebbene tento una connessione che sa di azzardo, introducendo la categoria del “piccolo”. Zaccheo pubblicano, ricco, ma piccolo, piccolo di statura, ma non solo. L’altro, quello che se ne va triste, è nominato, nel testo greco, come ἄρχων, uno che ha titolo di “primo”, uno che precede, “tutto comincia da me”. E appare in un capitolo, il diciottesimo di Luca, che è, a mio avviso, un memoriale dei piccoli. A cominciare dalla parabola della vedova, una piccola, che chiede giustizia a un giudice; poi la parabola del fariseo che prega, da primo della classe, davanti all’altare, proprio mentre un pubblicano, piccolo – nemmeno osa alzare gli occhi al cielo – a distanza, si batte il petto dicendo: “O Dio, abbi pietà di me peccatore”. E, dopo le due parabole, ecco che  i discepoli se la prendono con i bambini e Gesù li chiama a sé e dice: “Lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite; a chi è come loro, infatti, appartiene il regno di Dio. In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come l’accoglie un bambino, non entrerà in esso”. Segue senza cesure: “Un notabile lo interrogò”. Proprio non gli era entrato in testa il discorso su primi e ultimi, sul piccolo che entra nel regno di Dio.

L’illusione vincente, eterna, è quella di farsi primi, importanti, con beni e successi. E tutti a seguire! Ma che cosa è più importante? “Che cosa è più importante” non è così facile dirselo e soprattutto tenerlo custodito nelle pieghe della vita: è avere discernimento?

Io non so, proprio non so, se fosse accaduta a me la domanda di Dio nella notte, come a Salomone:  “Chiedimi ciò che vuoi che io ti conceda”, che cosa avrei chiesto. Salomone non chiese né lunghi giorni di vita, né ricchezze, né successo sui nemici. Chiese un cuore docile e saggio, capace di discernimento.

A che cosa dare importanza forse non lo abbiamo imparato una volta per tutte. Anche dopo aver seguito a lungo il Signore. Al riguardo è clamoroso come i discepoli, dopo lungo cammino dietro Gesù – è in avvistamento l’ultima tappa – ancora non abbiano capito la lezione dei beni, delle ricchezze e presentino in qualche modo i conti: “Pietro allora disse: «Noi abbiamo lasciato i nostri beni e ti abbiamo seguito». Ed egli rispose: «In verità io vi dico, non c’è nessuno che abbia lasciato casa o moglie o fratelli o genitori o figli per il regno di Dio, che non riceva molto di più nel tempo presente e la vita eterna nel tempo che verrà»”.

“Riceverete la vita eterna nel tempo che verrà” lo diciamo spesso, lo dicono spesso i preti. Sembra intrigante invece l’accenno di Gesù al ricevere molto di più “nel tempo presente”. Che cosa ti ritorna nelle mani? Molto di più di quello che hai lasciato. In che senso? E mi si riaffaccia il pensiero del piccolo e del grande.

Se ti senti grande, se aspiri ad avere tutto, ad avere la precedenza su tutti, che cosa ti troverai tra le mani? Forse case, ma non certo aria di casa: aria di scuderia. Moglie, fratello, genitori, figli? No, troverai persone ossequienti, giullari di corte, dipendenti inanimati, chierichetti devoti. A volte si dice “quello sì, ha un séguito”. Ma che séguito è? In verità, il seguito della solitudine, della morte di relazioni di respiro. Tutto, ma il deserto dei sentimenti.

Al contrario, se tu non ti fai grande, se proteggi il tuo cuore di bambino, se non sei pieno di te, se custodisci spazio per fare spazio, troverai case aperte e, a perdita  d’occhi, amiche ed amici, e pulsare di incontri e domande spudorate e allegria senza inibizioni, righe sparigliate. Il “di più”, il “molto di più” nel tempo presente.

Il ricordo è troppo personale, ma voi me lo perdonate. Fu il giorno in cui il cardinale Martini mi propose una migrazione: da parroco a Lecco, in faccia a lago e montagne a Milano, la grande città. Ricordo come battesse la luce in quell’ora. Quasi a fugare le mie esitazioni, mi disse: “Là dove andresti, non c’è un metro che è un metro per costruire, ma tu sai che la cosa più  importante è costruire relazioni”. Mi sembrò di ascoltare il “molto di più” del vangelo.

Le Letture

LETTURA 1Re 3, 5-15

Lettura del primo libro dei Re

In quei giorni. A Gàbaon il Signore apparve a Salomone in sogno durante la notte. Dio disse: «Chiedimi ciò che vuoi che io ti conceda». Salomone disse: «Tu hai trattato il tuo servo Davide, mio padre, con grande amore, perché egli aveva camminato davanti a te con fedeltà, con giustizia e con cuore retto verso di te. Tu gli hai conservato questo grande amore e gli hai dato un figlio che siede sul suo trono, come avviene oggi. Ora, Signore, mio Dio, tu hai fatto regnare il tuo servo al posto di Davide, mio padre. Ebbene io sono solo un ragazzo; non so come regolarmi. Il tuo servo è in mezzo al tuo popolo che hai scelto, popolo numeroso che per quantità non si può calcolare né contare. Concedi al tuo servo un cuore docile, perché sappia rendere giustizia al tuo popolo e sappia distinguere il bene dal male; infatti chi può governare questo tuo popolo così numeroso?». Piacque agli occhi del Signore che Salomone avesse domandato questa cosa. Dio gli disse: «Poiché hai domandato questa cosa e non hai domandato per te molti giorni, né hai domandato per te ricchezza, né hai domandato la vita dei tuoi nemici, ma hai domandato per te il discernimento nel giudicare, ecco, faccio secondo le tue parole. Ti concedo un cuore saggio e intelligente: uno come te non ci fu prima di te né sorgerà dopo di te. Ti concedo anche quanto non hai domandato, cioè ricchezza e gloria, come a nessun altro fra i re, per tutta la tua vita. Se poi camminerai nelle mie vie osservando le mie leggi e i miei comandi, come ha fatto Davide, tuo padre, prolungherò anche la tua vita». Salomone si svegliò; ecco, era stato un sogno. Andò a Gerusalemme; stette davanti all’arca dell’alleanza del Signore, offrì olocausti, compì sacrifici di comunione e diede un banchetto per tutti i suoi servi.

Commento al filmato: è straordinaria la bellezza del brano “Senza indicazione di tempo”del Concerto in Do min di Bach, i due Clavicembali solisti dialogano con l’Orchestra per cantare con toni maestosi la promessa di Dio a Salomone che aveva chiesto per regnare “un cuore docile, perché sappia rendere giustizia al tuo popolo e sappia distinguere il bene dal male;”:

Ti concedo un cuore saggio e intelligente: uno come te non ci fu prima di te né sorgerà dopo di te. Ti concedo anche quanto non hai domandato, cioè ricchezza e gloria, come a nessun altro fra i re, per tutta la tua vita.

SALMO Sal 71 (72)

Benedetto il Signore, Dio d’Israele.

Dio, affida al re il tuo diritto,

al figlio di re la tua giustizia;

egli giudichi il tuo popolo secondo giustizia

e i tuoi poveri secondo il diritto. R

Le montagne portino pace al popolo

e le colline giustizia.

Ai poveri del popolo renda giustizia,

salvi i figli del misero e abbatta l’oppressore. R

A lui si pieghino le tribù del deserto,

mordano la polvere i suoi nemici.

I re di Tarsis e delle isole portino tributi,

i re di Saba e di Seba offrano doni. R

Commento al filmato:Organo e Orchestra in questo luminoso, sfolgorante “Allegro”del Concerto in Fa Magg. di Händel, si impegnano in dialogo entusiasmante per cantare la lode a Dio del Salmo Responsoriale

Dio, affida al re il tuo diritto, al figlio di re la tua giustizia; egli giudichi il tuo popolo secondo giustizia e i tuoi poveri secondo il diritto.

EPISTOLA 1Cor 3, 18-23

Prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi

Fratelli, nessuno si illuda. Se qualcuno tra voi si crede un sapiente in questo mondo, si faccia stolto per diventare sapiente, perché la sapienza di questo mondo è stoltezza davanti a Dio. Sta scritto infatti: «Egli fa cadere i sapienti per mezzo della loro astuzia». E ancora: «Il Signore sa che i progetti dei sapienti sono vani». Quindi nessuno ponga il suo vanto negli uomini, perché tutto è vostro: Paolo, Apollo, Cefa, il mondo, la vita, la morte, il presente, il futuro: tutto è vostro! Ma voi siete di Cristo e Cristo è di Dio.

Commento al filmato:le note palpitanti dello splendido “Allegro” dal Concerto in Re min di Vivaldi , cantano con toni veementi l’accorata esortazione di san Paolo ai cristiani di Corinto:

Quindi nessuno ponga il suo vanto negli uomini, perché tutto è vostro: Paolo, Apollo, Cefa, il mondo, la vita, la morte, il presente, il futuro: tutto è vostro! Ma voi siete di Cristo e Cristo è di Dio.

VANGELO Lc 18, 24b-30

✠ Lettura del Vangelo secondo Luca

In quel tempo. Il Signore Gesù disse: «Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio. È più facile infatti per un cammello passare per la cruna di un ago, che per un ricco entrare nel regno di Dio!». Quelli che ascoltavano dissero: «E chi può essere salvato?». Rispose: «Ciò che è impossibile agli uomini, è possibile a Dio». Pietro allora disse: «Noi abbiamo lasciato i nostri beni e ti abbiamo seguito». Ed egli rispose: «In verità io vi dico, non c’è nessuno che abbia lasciato casa o moglie o fratelli o genitori o figli per il regno di Dio, che non riceva molto di più nel tempo presente e la vita eterna nel tempo che verrà».

Commento al filmato:il Violino e il Clavicembalo di questo radioso“Minuetto” dalla Sonata in Do di Mozart cantano con note cariche della tenerezza di Gesù:

È difficile per chi possiede ricchezze entrare nel regno di Dio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.