Location,TX 75035,USA

17 Luglio 2022 6a Domenica dopo Pentecoste Omelia di don Angelo

ArteMusicaPoesia

17 Luglio 2022 6a Domenica dopo Pentecoste Omelia di don Angelo

Ora i tuoi occhi vedono

Sesta domenica dopo Pentecoste

17 luglio 2022

omelia di don angelo

Due sono le parole ch,e su tutte, risuonano nei brani che ora abbiamo ascoltato: la parola “alleanza” e la parola “sangue”. La parola “alleanza” sposata alla parola “sangue”. E c’è molto da riflettere, e da interrogarsi, sulla connessione, per non lasciarci irretire da equivoci e fraintendimenti.

A mettercene al riparo, questo squarcio, sobrio e ingualcibile, della morte di Gesù nel racconto di Giovanni. Il brano liturgico è stato defraudati di due versetti, per me imperdibili, che vorrei ricordarvi: “Questo infatti avvenne perché si compisse la Scrittura: Non gli sarà spezzato alcun osso. E un altro passo della Scrittura dice ancora: Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto”.

“Volgeranno lo sguardo…”: è tutto qui. “Dopo aver preso l’aceto, Gesù disse: “È compiuto!”. E, chinato il capo, consegnò lo spirito”. Tutto è compiuto. E’ tutto qui. E noi volgiamo lo sguardo, i nostri occhi vedono.

Forse alcuni di voi ricordano gli inizi del vangelo di Luca. Maria e Giuseppe portano al tempio il loro bambino che è un frugolo di quaranta giorni, e il vecchio Simeone, chiamato all’appuntamento dallo Spirito, li scova tra i tanti, prende in braccio il bambino e dice parole che sanno di canto: “Ora lascia, o Signore, che il tuo servo vada in pace secondo la tua parola; perché i miei occhi han visto la tua salvezza, preparata da te davanti a tutti i popoli,  luce per illuminare le genti e gloria del tuo popolo Israele” (Lc 2, 29-31). I miei occhi hanno visto.

Noi oggi siamo stati convocati all’appuntamento, sotto la croce. E i nostri occhi ora vedono. Vedono  la salvezza, vedono che cosa è  alleanza, l’alleanza di Dio. E’ scritta lì.

Vi dicevo della parola “alleanza” che può essere fraintesa sino ad essere sporcata. Perché può diventare, sulle nostre labbra, divisiva, intesa come “contro”, contro qualcuno: noi ”alleati contro…”, una alleanza che, alla fin fine, giunge a spargere sangue di altri.

So che gli esegeti avrebbero da ridire – molto da ridire – su ciò che vi sto dicendo: io, per mia deformazione, faccio fatica a rimanere impassibile nel racconto dell’alleanza antica con tutto quello spargimento di sangue, sangue di giovenchi, e catini di sangue, e aspersione di sangue. So che il tutto stava  a significare che Dio e il suo popolo diventavano alleati, uniti da uno stesso sangue. Ma poi in altre pagine Dio supera l’inganno che lui  possa essere placato con il sangue, parla di un’alleanza nuova. La lettera agli Ebrei oggi ci ha ricordato un passo luminoso del profeta Geremia: “Questa sarà l’alleanza che concluderò con la casa d’Israele dopo quei giorni – oracolo del Signore -: porrò la mia legge dentro di loro, la scriverò sul loro cuore. Allora io sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo. Non dovranno più istruirsi l’un l’altro, dicendo: “Conoscete il Signore”, perché tutti mi conosceranno, dal più piccolo al più grande – oracolo del Signore -, poiché io perdonerò la loro iniquità e non ricorderò più il loro peccato (Ger 31, 33-34).

Ecco l’alleanza, la nuova: le braccia di Gesù allargate sulla croce, come in una consegna estrema, e dalla ferita, per trafittura di lancia, sangue ed acqua. Sangue che non è morte, è acqua, è vita. Dio non chiede sangue, anzi, i sangui gridano a lui. Dio si consegna. Gesù disse: “È compiuto!”. E, chinato il capo, consegnò lo spirito.

Non c’è più bisogno che uno istruisca un altro. Dal più grande al più piccolo, tutti capiscono. L’alleanza vera è dentro questa passione di Dio per noi, passione d’amore svelata, al grado estremo, in Gesù di Nazaret. Un’alleanza non modulata su leggi, ma dettata dall’amore. L’amore che si svela non nel depredare, ma nel consegnare. Sino a consegnare se stessi. Gesù ha passato una vita a consegnarsi e a contestare una deriva della religione ridotta ad alleanza formale, senza spirito. Può succedere anche nelle nostre relazioni umane: stare stretti dalla legge  e non volersi bene. Così non c’è aria, non c’è respiro, non c’è spirito.

Al cuore vengono le parole di Luca: “Poi, preso un pane, rese grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo: «Questo è il mio corpo che è dato per voi; fate questo in memoria di me». Allo stesso modo dopo aver cenato, prese il calice dicendo: «Questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue, che viene versato per voi” ( Lc 22, 19-20).

Così: corpo dato, sangue versato, si è consegnato. E ti prende emozione quando alla comunione ti vien consegnato, nelle mani: è il segno della sua alleanza con te, con noi riuniti, con il mondo.

E noi a chiedergli di imparare da lui a consegnarci nella vita. A volte ci capita di dire: “Puoi  fidarti: quella è un donna, quello è un uomo, che si consegna corpo ed anima”.

Consegnarsi, come il Signore. Con tutto, con i nostri colori e con le nostre ombre, con la nostra passione e con la nostra debolezza, con i nostri gesti e con i nostri pensieri, con le nostre giornate limpide e con quelle imbronciate di nubi, consegnarci. Dopo aver visto con i nostri occhi l’alleanza. Scritta, a memoria sulla croce.

Sono passati anni e anni, ma l’emozione è come fosse oggi: trascorrevo giorni di silenzi in un monastero, a me caro, quello di Bose. Rimasi come rapito davanti a un grande crocifisso ligneo, braccia allargate, mani come fuori misura.

A braccia larghe

appena abbassate

sembri planare

dolcemente

su di me

Gesù crocifisso

fino ad abbracciarmi

ultimo fra i peccatori.

Rozzo scultore

o poeta

chi nel vivo del legno

incavò grosse mani

-le tue-

quasi fuori misura?

“Nessuno” -hai detto-

“può rapirvi dalle mie mani”.

Il “fuori misura”

dell’amore.

LETTURA Es 24, 3-18

Lettura del libro dell’Esodo

In quei giorni. Mosè andò a riferire al popolo tutte le parole del Signore e tutte le norme. Tutto il popolo rispose a una sola voce dicendo: «Tutti i comandamenti che il Signore ha dato, noi li eseguiremo!». Mosè scrisse tutte le parole del Signore. Si alzò di buon mattino ed eresse un altare ai piedi del monte, con dodici stele per le dodici tribù d’Israele. Incaricò alcuni giovani tra gli Israeliti di offrire olocausti e di sacrificare giovenchi come sacrifici di comunione, per il Signore. Mosè prese la metà del sangue e la mise in tanti catini e ne versò l’altra metà sull’altare. Quindi prese il libro dell’alleanza e lo lesse alla presenza del popolo. Dissero: «Quanto ha detto il Signore, lo eseguiremo e vi presteremo ascolto». Mosè prese il sangue e ne asperse il popolo, dicendo: «Ecco il sangue dell’alleanza che il Signore ha concluso con voi sulla base di tutte queste parole!». Mosè salì con Aronne, Nadab, Abiu e i settanta anziani d’Israele. Essi videro il Dio d’Israele: sotto i suoi piedi vi era come un pavimento in lastre di zaffìro, limpido come il cielo. Contro i privilegiati degli Israeliti non stese la mano: essi videro Dio e poi mangiarono e bevvero. Il Signore disse a Mosè: «Sali verso di me sul monte e rimani lassù: io ti darò le tavole di pietra, la legge e i comandamenti che io ho scritto per istruirli». Mosè si mosse con Giosuè, suo aiutante, e Mosè salì sul monte di Dio. Agli anziani aveva detto: «Restate qui ad aspettarci, fin quando torneremo da voi; ecco, avete con voi Aronne e Cur: chiunque avrà una questione si rivolgerà a loro». Mosè salì dunque sul monte e la nube coprì il monte. La gloria del Signore venne a dimorare sul monte Sinai e la nube lo coprì per sei giorni. Al settimo giorno il Signore chiamò Mosè dalla nube. La gloria del Signore appariva agli occhi degli Israeliti come fuoco divorante sulla cima della montagna. Mosè entrò dunque in mezzo alla nube e salì sul monte. Mosè rimase sul monte quaranta giorni e quaranta notti.

Commento al filmato: è un momento cruciale nella storia dell’Umanità, Dio rinnova il suo Patto di Alleanza chiamando Mosè sul Monte   le note drammatiche, aspre, a tratti dolcissime degli Archi nel tempo “Scherzo-Vivace”del Quartetto in Re Magg. di César Franck 

Mosè salì dunque sul monte e la nube coprì il monte. La gloria del Signore venne a dimorare sul monte Sinai e la nube lo coprì per sei giorni. Al settimo giorno il Signore chiamò Mosè dalla nube. La gloria del Signore appariva agli occhi degli Israeliti come fuoco divorante sulla cima della montagna.

SALMO Sal 49 (50)

Ascoltate oggi la voce del Signore.

Parla il Signore, Dio degli dèi,

convoca la terra da oriente a occidente.

Da Sion, bellezza perfetta,

Dio risplende. R

Viene il nostro Dio e non sta in silenzio;

davanti a lui un fuoco divorante,

intorno a lui si scatena la tempesta.

Convoca il cielo dall’alto

e la terra per giudicare il suo popolo. R

«Davanti a me riunite i miei fedeli,

che hanno stabilito con me l’alleanza

offrendo un sacrificio».

I cieli annunciano la sua giustizia:

è Dio che giudica. R

Commento al filmato:le note gioiose del Flauto nell’Allegro del Concerto di Vivaldi con l’accompagnamento maestoso, ritmato dell’Orchestra, cantano con toni esultanti il Responsoriale  «Ascoltate oggi la voce del Signore.» tratto dal Salmo 49/50:

Parla il Signore, Dio degli dèi,

convoca la terra da oriente a occidente.

Da Sion, bellezza perfetta,

Dio risplende.

EPISTOLA Eb 8, 6-13a

Lettera agli Ebrei

Fratelli, Gesù ha avuto un ministero tanto più eccellente quanto migliore è l’alleanza di cui è mediatore, perché è fondata su migliori promesse. Se la prima alleanza infatti fosse stata perfetta, non sarebbe stato il caso di stabilirne un’altra. Dio infatti, biasimando il suo popolo, dice: «Ecco: vengono giorni, dice il Signore, quando io concluderò un’alleanza nuova con la casa d’Israele e con la casa di Giuda. Non sarà come l’alleanza che feci con i loro padri, nel giorno in cui li presi per mano per farli uscire dalla terra d’Egitto; poiché essi non rimasero fedeli alla mia alleanza, anch’io non ebbi più cura di loro, dice il Signore. E questa è l’alleanza che io stipulerò con la casa d’Israele dopo quei giorni, dice il Signore: porrò le mie leggi nella loro mente e le imprimerò nei loro cuori; sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo. Né alcuno avrà più da istruire il suo concittadino, né alcuno il proprio fratello, dicendo: “Conosci il Signore!”. Tutti infatti mi conosceranno, dal più piccolo al più grande di loro. Perché io perdonerò le loro iniquità e non mi ricorderò più dei loro peccati». Dicendo alleanza nuova, Dio ha dichiarato antica la prima.

Commento al filmato:è di una bellezza imponente questa “Fuge” in Mi min di Bach, le note solenni dell’Organo, cantano con toni maestosil’insegnamento di san Paolo agli ebrei

Ecco: vengono giorni, dice il Signore, quando io concluderò un’alleanza nuova con la casa d’Israele e con la casa di Giuda. Non sarà come l’alleanza che feci con i loro padri, nel giorno in cui li presi per mano per farli uscire dalla terra d’Egitto; …… E questa è l’alleanza che io stipulerò con la casa d’Israele dopo quei giorni, dice il Signore: porrò le mie leggi nella loro mente e le imprimerò nei loro cuori; sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo.

VANGELO Gv 19, 30-35

✠ Lettura del Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo. Dopo aver preso l’aceto, Gesù disse: «È compiuto!». E, chinato il capo, consegnò lo spirito. Era il giorno della Parasceve e i Giudei, perché i corpi non rimanessero sulla croce durante il sabato – era infatti un giorno solenne quel sabato –, chiesero a Pilato che fossero spezzate loro le gambe e fossero portati via. Vennero dunque i soldati e spezzarono le gambe all’uno e all’altro che erano stati crocifissi insieme con lui. Venuti però da Gesù, vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, ma uno dei soldati con una lancia gli colpì il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua. Chi ha visto ne dà testimonianza e la sua testimonianza è vera; egli sa che dice il vero, perché anche voi crediate.

Commento al filmato: è di una bellezza luminosa questo “Andante Molto” del “Concerto a quattro” in Sol min di Vivaldi, le note dolcissime, struggenti dei violini, accompagnate dal “Pizzicato” della Viola e del Violoncello, cantano con toni mesti le ultime Parole di Gesù morente sulla Croce:

Dopo aver preso l’aceto, Gesù disse: «È compiuto!». E, chinato il capo, consegnò lo spirito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.