Location,TX 75035,USA

2022-09-4 1a Domenica dopo il Martirio Omelia di don Angelo

ArteMusicaPoesia

2022-09-4 1a Domenica dopo il Martirio Omelia di don Angelo

Suscitare cambiamento, stupore, compassione

4 settembre 2022 Prima domenica dopo il martirio del Precursore

omelia di don Angelo

Raccolgo frammenti, frammenti di pensieri.

Il primo fa indugio su parole come “conversione”, “convertirsi”, parole che, come altre, nel tempo si sono indebolite, scolorite e andrebbero riaccese.

Il brano del vangelo di Matteo annoda la notizia dell’arresto del Battista all’inizio dell’annuncio del vangelo da parte di Gesù. E una delle cose sorprendenti è la perfetta  coincidenza, a copia,  tra le parole di Gesù e quelle di Giovanni, di cui  peraltro Gesù  era stato discepolo: “Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino”.

“Convertitevi”, la parola greca,“μετανοεῖτε”, è invito a  cambiare la mentalità, il cuore, la direzione. La direzione da riscoprire  è quella del Regno di Dio che ora si è fatto vicino a noi  in Gesù di Nazaret.

Rimettere dunque nel nostro orizzonte Dio e i suoi pensieri, Gesù e le sue scelte. Bellissima oggi l’invocazione al salmo: “Convertici a te, Signore”. Si tratta di una persona a cui volgersi, come orizzonte. Verso dove punto? Nascono domande sulla mia mentalità: in fondo, sinceramente, qual è il mio orizzonte, quello che ispira le mie scelte? Si tratta del mio modo di vedere la vita. Che cosa tengo come passione nel cuore?

Importante la direzione. Non basta – chi non lo vede? – un invito  generico allo sforzo: “Sforzatevi, pedalate”. Perché, se poi uno sta andando nella direzione sbagliata, a furia di pedalare, si troverà sempre più lontano e smarrito.

Ebbene convertirsi, aprire a Dio, è l’appello di Isaia al suo popolo, un popolo  abbagliato dalla suggestione di una alleanza politica alternativa, quasi non contassero orizzonti in cui iscrivere le scelte, messi a tacere profeti e veggenti. L’esito? La decostruzione, le immagini sono di una lucidità disarmante. Eccole: “Pertanto dice il Santo d’Israele: «Poiché voi rigettate questa parola e confidate nella vessazione dei deboli e nella perfidia, ponendole a vostro sostegno, ebbene questa colpa diventerà per voi come una breccia che minaccia di crollare, che sporge su un alto muro, il cui crollo avviene in un attimo, improvvisamente, e s’infrange come un vaso di creta, frantumato senza misericordia, così che non si trova tra i suoi frantumi neppure un coccio con cui si possa prendere fuoco dal braciere o attingere acqua dalla cisterna»”.  Dovremmo ricordarlo: rifiuto della profezia, vessazione dei deboli e perfidia sono una breccia nel muro. Dovremmo ricordarlo.

E, dovremmo ricordare anche una delle ultime parola del brano di Isaia: “Nella conversione e nella calma sta la vostra salvezza”. Mi intriga questo sgusciare nel testo della parola “calma”, perché di questi tempi mi appare una parola in esilio. Sono altre le parole di moda: la fretta, la semplificazione, l’impetuosità, in uno stordimento continuo, ossessivo. Guai rallentare, sostare, discernere: lo slogan, non il pensiero. Ed ecco invece l’invito a una sosta, a un indugio, a una riflessione: “Nella conversione e nella calma sta la vostra salvezza”.

Ma ora vorrei condividere con voi un altro pensiero: il brano di Matteo se da un lato sottolinea una continuità tra il Battista e Gesù, dall’altro evoca un cambiamento radicale. E’ scritto di Gesù che “si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia: «Terra di Zàbulon e terra di Nèftali, sulla via del mare, oltre il Giordano, Galilea delle genti! »”.

Gesù per l’annuncio non sceglie, come il Battista, il deserto, né rimane a Nazaret, un villaggio isolato. Si immerge in spazi più ampi, sceglie una città di confine, sulla riva di un lago, crocevia di carovane, sceglie Cafarnao. L’annuncio ora è per strade e case. E la discontinuità non è solo topografica. Ancora più abbagliante è la discontinuità nello stile del suo annuncio. Che non conosce le parole dure, veementi, rocciose del Battista, ma quelle di un Rabbi che racconta la misericordia; non un asceta del deserto, ma il Figlio dell’uomo che mangia e beve con pubblicani e peccatori, annunciando la salvezza per le loro case.

Non il deserto dunque, ma Cafarnao. Mi passa in cuore una domanda, mi viene spontaneo chiedermi se i cristiani di oggi, per fedeltà al loro Signore e ai segni dei tempi, non siano chiamati ad uscire da territori protetti, per lo più ecclesiastici, per andare ad abitare a Cafarnao, come il loro Maestro. Stare, con la passione del vangelo, nei luoghi dei grandi cambiamenti, delle nuove sfide, delle quotidiane domande, quelle che vengono da strade e da piazze e da case, in ascolto, senza aria di maestri, ma semplicemente compagne e compagni di viaggio.

Mi affascinava nel brano di Matteo, il commento alla scelta di Cafarnao: “sulla via del mare, oltre il Giordano, Galilea delle genti!”. Non occupare posti, ma abbracciare “genti”, la parola al plurale.

Finisco condividendo con voi alcune parole di papa Francesco nel suo viaggio apostolico tre anni fa in Marocco. Diceva: ”La nostra missione di battezzati, di sacerdoti, di consacrati, non è determinata particolarmente dal numero o dalla quantità di spazi che si occupano, ma dalla capacità che si ha di generare e suscitare cambiamento, stupore e compassione; dal modo in cui viviamo come discepoli di Gesù, in mezzo a coloro dei quali noi condividiamo il quotidiano, le gioie, i dolori, le sofferenze e le speranze… Penso che la preoccupazione sorge quando noi cristiani siamo assillati dal pensiero di poter essere significativi solo se siamo la massa e se occupiamo tutti gli spazi. Voi sapete bene che la vita si gioca con la capacità che abbiamo di “lievitare” lì dove ci troviamo e con chi ci troviamo. Anche se questo può non portare apparentemente benefici tangibili o immediati. Perché essere cristiano non è aderire a una dottrina, né a un tempio, né a un gruppo etnico. Essere cristiano è un incontro, un incontro con Gesù Cristo”.

Generare e suscitare cambiamento, stupore e compassione. Come Gesù.

Le Letture

LETTURA Is 30, 8-15b

Lettura del profeta Isaia

Così dice il Signore Dio: «Su, vieni, scrivi questo su una tavoletta davanti a loro, incidilo sopra un documento, perché resti per il futuro in testimonianza perenne. Poiché questo è un popolo ribelle. Sono figli bugiardi, figli che non vogliono ascoltare la legge del Signore. Essi dicono ai veggenti: “Non abbiate visioni” e ai profeti: “Non fateci profezie sincere, diteci cose piacevoli, profetateci illusioni! Scostatevi dalla retta via, uscite dal sentiero, toglieteci dalla vista il Santo d’Israele”». Pertanto dice il Santo d’Israele: «Poiché voi rigettate questa parola e confidate nella vessazione dei deboli e nella perfidia, ponendole a vostro sostegno, ebbene questa colpa diventerà per voi come una breccia che minaccia di crollare, che sporge su un alto muro, il cui crollo avviene in un attimo, improvvisamente, e s’infrange come un vaso di creta, frantumato senza misericordia, così che non si trova tra i suoi frantumi neppure un coccio con cui si possa prendere fuoco dal braciere o attingere acqua dalla cisterna». Poiché così dice il Signore Dio, il Santo d’Israele: «Nella conversione e nella calma sta la vostra salvezza, nell’abbandono confidente sta la vostra forza».

Commento al filmato:nellop spettacolare “Presto” della Sinfonia in Do Magg di Mozart, l’Orchestra, con con toni impetuosi, intona un racconto drammatico della profezia di Isaia che accusa: 

Poiché questo è un popolo ribelle. Sono figli bugiardi, figli che non vogliono ascoltare la legge del Signore. Essi dicono ai veggenti: «Non abbiate visioni» e ai profeti: «Non fateci profezie sincere, diteci cose piacevoli, profetateci illusioni! Scostatevi dalla retta via, uscite dal sentiero, toglieteci dalla vista il Santo d’Israele».

Ma le ultime note dell’Orchestra si aprono solenni sulla esortazione finale del Signore:

«Nella conversione e nella calma sta la vostra salvezza, nell’abbandono confidente sta la vostra forza».

SALMO Sal 50 (51)

Convertici a te, Dio nostra salvezza.

Aspergimi con rami d’issòpo e sarò puro;

lavami e sarò più bianco della neve.

Distogli lo sguardo dai miei peccati,

cancella tutte le mie colpe. R

Crea in me, o Dio, un cuore puro,

rinnova in me uno spirito saldo.

Non scacciarmi dalla tua presenza

e non privarmi del tuo santo spirito. R

Rendimi la gioia della tua salvezza,

sostienimi con uno spirito generoso.

Insegnerò ai ribelli le tue vie

e i peccatori a te ritorneranno. R

Commento al filmato:lo straordinario Salmo 50 (51) è una appassionata supplica alla Misericordia del Signore che, nel filmato viene riprodotto interamente con splendide immagini e con due stupendi brani dai concerti in Re Magg e in Sol Magg di Mozart, in cui le note del Pianoforte e dell’Orchestra si dipanano in un dialogo  struggente, commovente per cantare:

Aspergimi con rami d’issòpo e sarò puro;

lavami e sarò più bianco della neve.

Distogli lo sguardo dai miei peccati,

cancella tutte le mie colpe.

 

EPISTOLA Rm 5, 1-11

Lettera di san Paolo apostolo ai Romani

Fratelli, giustificati per fede, noi siamo in pace con Dio per mezzo del Signore nostro Gesù Cristo. Per mezzo di lui abbiamo anche, mediante la fede, l’accesso a questa grazia nella quale ci troviamo e ci vantiamo, saldi nella speranza della gloria di Dio. E non solo: ci vantiamo anche nelle tribolazioni, sapendo che la tribolazione produce pazienza, la pazienza una virtù provata e la virtù provata la speranza. La speranza poi non delude, perché l’amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato. Infatti, quando eravamo ancora deboli, nel tempo stabilito Cristo morì per gli empi. Ora, a stento qualcuno è disposto a morire per un giusto; forse qualcuno oserebbe morire per una persona buona. Ma Dio dimostra il suo amore verso di noi nel fatto che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi. A maggior ragione ora, giustificati nel suo sangue, saremo salvati dall’ira per mezzo di lui. Se infatti, quand’eravamo nemici, siamo stati riconciliàti con Dio per mezzo della morte del Figlio suo, molto più, ora che siamo riconciliati, saremo salvati mediante la sua vita. Non solo, ma ci gloriamo pure in Dio, per mezzo del Signore nostro Gesù Cristo, grazie al quale ora abbiamo ricevuto la riconciliazione.

Commento al filmato:le armonie arcane, generate in questo Preludio in Mi di Bach, dal Clavicembalo con le sue note struggenti, ardenti, ci raccontano l’insegnamento di san Paolo ai Romani:

Fratelli, giustificati dunque per fede, noi siamo in pace con Dio per mezzo del Signore nostro Gesù Cristo. Per mezzo di lui abbiamo anche, mediante la fede, l’accesso a questa grazia nella quale ci troviamo e ci vantiamo, saldi nella speranza della gloria di Dio. E non solo: ci vantiamo anche nelle tribolazioni, sapendo che la tribolazione produce pazienza, la pazienza una virtù provata e la virtù provata la speranza. La speranza poi non delude, perché l’amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato.

VANGELO Mt 4, 12-17

✠ Lettura del Vangelo secondo Matteo

In quel tempo. Quando il Signore Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia: «Terra di Zàbulon e terra di Nèftali, sulla via del mare, oltre il Giordano, Galilea delle genti! Il popolo che abitava nelle tenebre vide una grande luce, per quelli che abitavano in regione e ombra di morte una luce è sorta». Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».

Commento al filmato:è di una bellezza senza tempo questo “Mouvement de Menuet “della “Sonatine” di Maurice Ravèl, le note luminose del Pianoforte raccontano con toni di grande pace e serenità l’inizio della missione di Gesù, dopo l’arresto di Giovanni, con la realizzazione della profezia di Isaia:

Terra di Zàbulon e terra di Nèftali, sulla via del mare, oltre il Giordano, Galilea delle genti! Il popolo che abitava nelle tenebre vide una grande luce, per quelli che abitavano in regione e ombra di morte una luce è sorta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.