Location,TX 75035,USA

2022-10-23 1a Domenica dopo la Dedicazione Omelia di don Angelo

ArteMusicaPoesia

2022-10-23 1a Domenica dopo la Dedicazione Omelia di don Angelo

L’ora in cui osare

23 ottobre 2022 Prima domenica dopo la dedicazione

Omelia di don Angelo

Lui, certo, amava il lago, il suo lago: dalle rive del lago aveva chiamato i primi discepoli, di professione pescatori; da un barca di lago aveva pure raccontato alle folle parabole del Regno; sul lago era stato per traversate di giorno e di notte, più o meno tranquille.

Ma oggi con il brano di Matteo, ultime parole di Gesù, ultima sosta dei piedi, siamo su un monte. Sul monte di Galilea era stato dato ai discepoli appuntamento, appuntamento  per voce di donne. Prima l’angelo, poi il Risorto, avevano affidato alle donne il compito di annunciare ai discepoli che andassero in Galilea, là lo avrebbero visto. In verità le donne, pur impaurite dall’apparizione dell’angelo, al venire loro incontro di Gesù erano state più immediate, più spontanee, più affettuose: “Si avvicinarono, gli abbracciarono i piedi e lo adorarono”. Non così i maschi: “Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono”. Forse c’è da capire.

Convocazione in Galilea. E forse anche a questo proposito c’è da capire: primo giorno della missione di Gesù in Galilea; ultimo giorno, o forse meglio primo, primo di un’altra avventura, ancora in Galilea. Perché primo? Dice: ”Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”. Dalla Galilea, una terra di confine, crocevia delle genti, nessuna spocchia di ortodossia.

Ed  ora siamo su un monte.  Gesù amava il lago, ma amava molto anche i monti. Chissà – sto fantasticando – se fu anche per via di quel primo viaggio che fece in grembo di una madre, ancora ragazzina, che si affrettava sui monti di Giuda per fare visita alla cugina, incinta di sei mesi. Poi monti: quello delle beatitudini, quello della sua preghiera nella notte,  quello su cui lo videro incantati trasfigurarsi, quello con un prato d’erba verde su cui furono in migliaia  a spezzare pane, in perfetta letizia.

Perché questa mia insistenza sul monte. Voi mi capite, pensate a queste parole di Gesù, dette da un lago o da un monte: “A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli”. E dove andavano gli occhi? Perdonate, era come se quelle parole prendessero ancor più colore dal posto in cui venivano  affidate ai discepoli. Da un posto di confine. Ma anche da un ”alto”, che spazia da ogni parte. Andare a tutte le terre, in tutte le direzioni. E, insieme, il suo accompagnamento senza cesure nel tempo. Che ci fa dire  che lui è qui, ora: ”Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”. Con noi oggi, che è domenica; e domani che sarà lunedì,  domani che saremo in chissà quanti altri  luoghi.

Ci passa nelle vene come brivido – e voi mi capite – la fiducia in una presenza infinitamente affidabile, in un accompagnamento. Forse dovremmo educarci a sentirci sfiorare da questa presenza. Anche nel nostro sonno, quando non vigiliamo, o non vigiliamo del tutto. A volte leggo distrattamente, ma in questi giorni la lettura di un salmo, salmo 16, mi ha chiesto sosta a un versetto, eccolo: “al risveglio mi sazierò della tua presenza”. A volte ci è capitato di esserci addormentati o appisolati, al risveglio lui c’era, lei c’era: “Io sono con voi tutti i giorni fino alla fine del mondo”. E di giorni – pensate – se ne sono srotolati da quella  promessa sul monte.  Con noi, anche quando la nostra terra sembra, come in questi giorni, essere in preda a un sonno che le toglie ogni vigilanza in umanità. E tutti, o quasi, chiediamo di essere risvegliati. E lui, presente, a ricondurci in umanità, dopo sogni e parole e fatti, a dir poco, disonorevoli.

E disse: “Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli”. “Andate”, il verbo dice movimento, dal monte è nato un andare. E’ il nostro verbo: “Tu va, hai nelle vene l’andare”. Non lasciarti fermare, lui accompagna. Non sei solo.

Voi mi capite. Dovremmo essere le donne e gli uomini della scioltezza, del movimento. Che disavventura se di noi si dicesse: “Li trovi sempre allo stesso punto”. Come inchiodati. Eppure papa Francesco tenta di smuoverci. E a smuoverci tutti è il Maestro, con quel suo “andate”. “Andate nella vita. Che si muove se è vita. Voi avete la pretesa di programmare il non programmabile. La vita è più dei programmi. Sta in ascolto e poi racconta le parole del monte”.

In questo orizzonte è di un fascino imperdibile la vicenda della chiesa di Antiochia, una delle più antiche comunità cristiane, di cui oggi ci parlava il libro degli Atti. Per vie insospettate la notizia buona del vangelo era giunta a loro. Ora, con Barnaba e  Paolo, le danno impulso verso nuovi approdi.

Ebbene, mi sta a cuore e ancora una volta vorrei ricordarvi da dove nasce la chiesa di Antiochia. Pensate la fantasia delle vie di Dio: nasce dalla dispersione. Perché – dobbiamo dirlo – dai lamenti non nasce mai niente. Cacciati da Gerusalemme, uomini e donne comuni giungono ad Antiochia, donne e uomini comuni, senza ruoli di autorità, cittadini, semplicemente cittadini, di Cipro e di Cirene: cominciano a parlare, a raccontare di Gesù. Fuori dai recinti istituzionali. E quella comunità diventa il segno della potenza di Dio, della universalità della salvezza, che fiorisce in un ambiente nuovo, ricco di una pluralità di provenienze e di appartenenze. Una missione avvenuta senza investiture o protocolli.  E’ vero, la chiesa di Gerusalemme manda una delegazione, ma, per grazia, viene scelto Barnaba, che non ha l’anima dell’inquisitore, è uno capace di stabilire contatti, uno che si entusiasma del nuovo, uno spiritualmente ricco e aperto, uno che ha fiducia, come dice il suo nome, “uomo dell’esortazione”. Non è un controllore: “Si rallegrò” è scritto “e da uomo virtuoso com’era e pieno di Spirito santo e di fede esortava tutti a perseverare”. Un esempio luminoso di come trasformare un dramma in una occasione. In forza della speranza che ci abita.

E io a chiedermi se questa non sia l’ora in cui lasciare i lamenti e, cittadini comuni come siamo, osare ciò che Dio vuole che osiamo: trasformare pazientemente, tenacemente, per quanto ci è possibile,  i drammi in una occasione di novità, per il vangelo, per il bene della terra che abitiamo.

Le Letture

LETTURA At 13, 1-5a

Lettura degli Atti degli Apostoli

In quei giorni. C’erano nella Chiesa di Antiòchia profeti e maestri: Bàrnaba, Simeone detto Niger, Lucio di Cirene, Manaèn, compagno d’infanzia di Erode il tetrarca, e Saulo. Mentre essi stavano celebrando il culto del Signore e digiunando, lo Spirito Santo disse: «Riservate per me Bàrnaba e Saulo per l’opera alla quale li ho chiamati». Allora, dopo aver digiunato e pregato, imposero loro le mani e li congedarono. Essi dunque, inviati dallo Spirito Santo, scesero a Selèucia e di qui salparono per Cipro. Giunti a Salamina, cominciarono ad annunciare la parola di Dio nelle sinagoghe dei Giudei.

Commento al filmato: è di una straordinaria bellezza che viene dall’infinito questo “Allegro molto moderato – Allegro molto”del Concerto in Si min “Conca” di Vivaldi – le note misteriose, dell’Orchestra raccontano con armonie emozionanti, l’arcano intervento dello Spirito Santo nei primi passi della evangelizzazione di San Paolo:

Mentre essi stavano celebrando il culto del Signore e digiunando, lo Spirito Santo disse: «Riservate per me Bàrnaba e Saulo per l’opera alla quale li ho chiamati». Allora, dopo aver digiunato e pregato, imposero loro le mani e li congedarono.

SALMO Sal 95 (96)

Annunciate a tutti i popoli le opere di Dio.

Cantate al Signore un canto nuovo,

cantate al Signore, uomini di tutta la terra.

Cantate al Signore, benedite il suo nome. R

Annunciate di giorno in giorno la sua salvezza.

In mezzo alle genti narrate la sua gloria,

a tutti i popoli dite le sue meraviglie. R

Date al Signore, o famiglie dei popoli,

date al Signore gloria e potenza,

date al Signore la gloria del suo nome. R

Commento al filmato: il Salmo (95/96) del Responsoriale: «Annunciate a tutti i popoli le opere di Dio» è cantato, dalle note esultanti del Corno in dialogo con l’Orchestra del Concerto in Re Magg di Mozart; le armonie affascinanti di questo tempo “Allegro” illuminano una straordinaria luce le parole gioiose del Salmista:

«Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore, uomini di tutta la terra. Annunciate di giorno in giorno la sua salvezza. In mezzo alle genti narrate la sua gloria, a tutti i popoli dite le sue meraviglie.»

EPISTOLA Rm 15, 15-20

Lettera di san Paolo apostolo ai Romani

Fratelli, su alcuni punti, vi ho scritto con un po’ di audacia, come per ricordarvi quello che già sapete, a motivo della grazia che mi è stata data da Dio per essere ministro di Cristo Gesù tra le genti, adempiendo il sacro ministero di annunciare il vangelo di Dio perché le genti divengano un’offerta gradita, santificata dallo Spirito Santo. Questo dunque è il mio vanto in Gesù Cristo nelle cose che riguardano Dio. Non oserei infatti dire nulla se non di quello che Cristo ha operato per mezzo mio per condurre le genti all’obbedienza, con parole e opere, con la potenza di segni e di prodigi, con la forza dello Spirito. Così da Gerusalemme e in tutte le direzioni fino all’Illiria, ho portato a termine la predicazione del vangelo di Cristo. Ma mi sono fatto un punto di onore di non annunciare il Vangelo dove era già conosciuto il nome di Cristo, per non costruire su un fondamento altrui.

Commento al filmato: è un dialogo di impressionante, impetuosa bellezza quello delle quattro Ghitarre, e del Violoncello con l’Orchestra nell’Allegro” del Concerto in Si min di Vivaldi, è un racconto entusiasmante dell’annuncio di San Paolo ai Romani; pur con la leggerezza del suono delle Ghitarre, ne viene un impatto emotivo potente:

Questo dunque è il mio vanto in Gesù Cristo nelle cose che riguardano Dio. Non oserei infatti dire nulla se non di quello che Cristo ha operato per mezzo mio per condurre le genti all’obbedienza, con parole e opere, con la potenza di segni e di prodigi, con la forza dello Spirito.

VANGELO Mt 28, 16-20

✠ Lettura del Vangelo secondo Matteo

In quel tempo. Gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte che il Signore Gesù aveva loro indicato. Quando lo videro, si prostrarono. Gesù si avvicinò e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo».

Commento al filmato:è di una spettacolare bellezza questo “Allegro” del Concerto in Sol di Vivaldi, le note veementi dell’Orchestra, cantano con toni appassionati l’ultima manifestazione di Gesù Risorto ai discepoli e il Suo mandato ad evangelizzare il mondo, con la promessa della Sua costante presenza con loro:

«A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.