Location,TX 75035,USA

24 Luglio 2022 7a Domenica dopo Pentecoste Omelia di don Angelo

ArteMusicaPoesia

24 Luglio 2022 7a Domenica dopo Pentecoste Omelia di don Angelo

Una parola folle o una parola vana

Settima domenica dopo Pentecoste

24 luglio 2022

omelia di don angelo

A fine agosto saranno venti anni da quando ci ha salutati. Uso il verbo “salutare”, perché non è un verbo di morte ed è un verbo affettuoso. Come lo era lui con noi, parlo del Card Martini.

Perché oggi in modo particolare il suo ricordo? Perché questo brano, tratto dal libro di Giosuè è un testo che lui amava, un testo che spesso tra noi ha commentato, soprattutto con i giovani nelle sue indimenticabili “scuole della parola”, quando il duomo diventava un prato e ventimila giovani seduti su panche, su basi di colonne, per terra, lo ascoltavano in un silenzio emozionante.

Ebbene vorrei iniziare con alcune sue parole rivolte a loro, a commento della grande convocazione a Sichem. Eccole:

“Chi fu convocato da Giosuè a Sichem? Giosuè, capo carismatico, eletto da Dio, successore immediato di Mosè, radunò tutte le tribù di Israele nella pianura presso le due montagne di Ebal e Garizim. Sichem è un luogo celebre dell’antichità, ricco di ricordi, di tradizioni per tutto il popolo di Israele. Nel versetto 1 del capitolo 24 si legge che “Giosuè radunò tutte le tribù … e convocò gli anziani …” . Perché questa differenza di verbi? Il verbo ebraico, che traduciamo con “radunare”, significa “raccogliere”, “mietere”, “mettere insieme una grande massa”; il verbo ebraico che traduciamo con “convocare”, significa “gridare”, “chiamare per nome gridando”. È il verbo usato per le grandi chiamate bibliche. Abbiamo quindi nel primo versetto un raduno che riguarda tutti e una convocazione più specifica, più personale …”.

E cosi il cardinale proseguiva: “Chi è convocato oggi? Ciascuno deve rispondere: sono convocato io personalmente, convocato e non semplicemente radunato. È facile andare una volta tanto ad un raduno, andare una sera alla veglia missionaria o alla marcia della pace. Ma la convocazione richiede ascolto e risposta. Ascolto per capire a fondo la nostra identità e risposta attraverso la proclamazione della nostra fedeltà. Vi affido alcune domande per la riflessione:

– mi sento di lasciarmi convocare? Non radunare una volta tanto, ma convocare con perseveranza, lasciandomi convocare per una responsabilità, per un ascolto e per una risposta?

– quali sono le mie resistenze a lasciarmi convocare? Che cosa sento dentro di me? Sento pigrizia, stanchezza, svogliatezza? Talora queste cose nascondono la paura di impegnarsi,

la tristezza di chi non vuole gustare la gioia del vangelo” ( Scuola della Parola 1988/89).

Fin qui il cardinale. Voi mi capite è in gioco una scelta, ed è una scelta che mette in questione la persona. Come accade anche nel racconto del vangelo di Giovanni. Siamo a uno snodo. Riascoltiamolo: “Da quel momento molti dei suoi discepoli tornarono indietro e non andavano più con lui. Disse allora Gesù ai Dodici: «Volete andarvene anche voi?»”.

Non possiamo non riconoscerlo: la fede, ancora più oggi, è una scelta. Non voglio dire che non lo sia stata in passato. Ma in passato era come sospinta, da una forza di trascinamento, da tradizioni e circostanze esteriori. Che oggi non si danno più. Come ai tempi di Gesù assistiamo a un rarefarsi delle presenze: qualcuno va denunciando accorato le chiese vuote. E ciò apre riflessioni che solo sfioro.

Giorni fa un articolo di un teologo si apriva con questa domanda: “Vale ancora la pena di annunciare il vangelo?”.  Voi che cosa dite? Al di là delle declamazioni verbali, facili e scontate. Vale la pena?  Chi è per me Gesù? E che cosa sono per me i suoi geti e le sue parole? Oggi non posso più rifugiarmi dietro la folla, non c’è più la folla. Io, i gesti di Gesù, li sento come gesti imperdibili, le sue parole come parole imperdibili, come fonte di scrittura imperdibile per la mia vita?

Mi ha colpito nel racconto di Giovanni come il ritrarsi o il seguire Gesù sia legato al colore che tu dai alle sue parola. Per quelli che si ritraggono è una parola “dura”, per quelli che, come Pietro, rimangono è una parola “di vita”. Gesù a coloro che stavano per ritrarsi aveva detto – ed è bellissimo – “le mie parole sono spirito e vita”. Spirito e vita: le abita un soffio, come spirito – trovi un respiro –, una brezza che investe la vita. E quando dico vita, dico una cosa concreta: parole che mi accendono pensieri, immaginazioni, sentimenti e cuore. Mi accendono la vita. Certo sono parole che hanno anche un prezzo, una fatica; parole abitate da squarci  di follia. Ma ogni amore, se è vero – ce lo diciamo spesso – porta con sè  uno squarcio di follia.

Christian Bobin, scrittore e poeta francese, in un suo libro “L’uomo che cammina” – Gesù, l’uomo che cammina – scrive che non c’è alternativa, o la parola folle del vangelo o la parola vana: “Cos’è parlare? Cos’è amare? Come credere e come non credere? Forse non abbiamo avuto altra scelta che tra una parola folle e una parola vana”.

Che cosa diventa – ditemi che cosa diventa –  il cristianesimo se lo riconduciamo a parole piatte, scolorite, vane? E che discepolo sono io, se non mi accende, nemmeno di un minimo, la passione, che deve aver acceso gli occhi di Pietro, quando rispose: “Tu solo hai parole di vita eterna”? E voleva dire: “parole vive, vive sempre, vive per sempre”. Immaginate i suoi occhi. Vale ancora la pena di annunciare il vangelo? Si, se non lo scoloriamo di ogni bellezza e follia.

E a questo punto – e finisco – vorrei confidarvi una domanda che mi è rimasta nel cuore a proposito di chiese sempre più vuote. Siamo così sicuri che qualcuno, o forse molti, non se ne siano andati per scolorimento della parole di Gesù, per mancanza di immaginazione?  Che se ne siano andati donne e uomini in cerca di gesti e parole che custodissero un respiro più ampio, squarci di luce, di bellezza, di poesia.

Scrive Christian Bobin: “Ho trovato Dio nelle pozzanghere d’acqua, nel profumo del caprifoglio, nella purezza di certi libri e persino in certi atei. Non l’ho quasi mai trovato presso coloro il cui mestiere consiste nel parlarne”.

Parole che bussano a me, che di Dio parlo tanto.

LETTURA Gs 24, 1-2a. 15b-27

Lettura del libro di Giosuè

In quei giorni. Giosuè radunò tutte le tribù d’Israele a Sichem e convocò gli anziani d’Israele, i capi, i giudici e gli scribi, ed essi si presentarono davanti a Dio. Giosuè disse a tutto il popolo: «Sceglietevi oggi chi servire: se gli dèi che i vostri padri hanno servito oltre il Fiume oppure gli dèi degli Amorrei, nel cui territorio abitate. Quanto a me e alla mia casa, serviremo il Signore». Il popolo rispose: «Lontano da noi abbandonare il Signore per servire altri dèi! Poiché è il Signore, nostro Dio, che ha fatto salire noi e i padri nostri dalla terra d’Egitto, dalla condizione servile; egli ha compiuto quei grandi segni dinanzi ai nostri occhi e ci ha custodito per tutto il cammino che abbiamo percorso e in mezzo a tutti i popoli fra i quali siamo passati. Il Signore ha scacciato dinanzi a noi tutti questi popoli e gli Amorrei che abitavano la terra. Perciò anche noi serviremo il Signore, perché egli è il nostro Dio». Giosuè disse al popolo: «Voi non potete servire il Signore, perché è un Dio santo, è un Dio geloso; egli non perdonerà le vostre trasgressioni e i vostri peccati. Se abbandonerete il Signore e servirete dèi stranieri, egli vi si volterà contro e, dopo avervi fatto tanto bene, vi farà del male e vi annienterà». Il popolo rispose a Giosuè: «No! Noi serviremo il Signore». Giosuè disse allora al popolo: «Voi siete testimoni contro voi stessi, che vi siete scelti il Signore per servirlo!». Risposero: «Siamo testimoni!». «Eliminate allora gli dèi degli stranieri, che sono in mezzo a voi, e rivolgete il vostro cuore al Signore, Dio d’Israele!». Il popolo rispose a Giosuè: «Noi serviremo il Signore, nostro Dio, e ascolteremo la sua voce!». Giosuè in quel giorno concluse un’alleanza per il popolo e gli diede uno statuto e una legge a Sichem. Scrisse queste parole nel libro della legge di Dio. Prese una grande pietra e la rizzò là, sotto la quercia che era nel santuario del Signore. Infine, Giosuè disse a tutto il popolo: «Ecco: questa pietra sarà una testimonianza per noi, perché essa ha udito tutte le parole che il Signore ci ha detto; essa servirà quindi da testimonianza per voi, perché non rinneghiate il vostro Dio».

Commento al filmato:le note possenti, maestose dell’Organo nello spettacolare “Präludium”in Re Magg. di Bach, cantano la solenne alleanza che Dio rinnova con il popolo di Israele sotto la guida di Giosuè:

Giosuè in quel giorno concluse un’alleanza per il popolo e gli diede uno statuto e una legge a Sichem. Scrisse queste parole nel libro della legge di Dio. Prese una grande pietra e la rizzò là, sotto la quercia che era nel santuario del Signore. Infine, Giosuè disse a tutto il popolo: «Ecco: questa pietra sarà una testimonianza per noi, perché essa ha udito tutte le parole che il Signore ci ha detto; essa servirà quindi da testimonianza per voi, perché non rinneghiate il vostro Dio».

SALMO Sal 104 (105)

Serviremo per sempre il Signore, nostro Dio.

Cercate il Signore e la sua potenza,

ricercate sempre il suo volto.

Ricordate le meraviglie che ha compiuto,

i suoi prodigi e i giudizi della sua bocca,

voi, stirpe di Abramo, suo servo,

figli di Giacobbe, suo eletto. R

È lui il Signore, nostro Dio:

su tutta la terra i suoi giudizi.

Si è sempre ricordato della sua alleanza,

parola data per mille generazioni,

dell’alleanza stabilita con Abramo

e del suo giuramento a Isacco. R

Ha fatto uscire il suo popolo con esultanza,

i suoi eletti con canti di gioia.

Ha dato loro le terre delle nazioni

e hanno ereditato il frutto della fatica dei popoli,

perché osservassero i suoi decreti

e custodissero le sue leggi. R

Commento al filmato:le “Voci” di questa spettacolare “Fuga”in Sol M (la Grande) di Bach, si inseguono a ritmop di danza per cantare con il salmista la Gloria del Signore:

È lui il Signore, nostro Dio:

su tutta la terra i suoi giudizi.

Si è sempre ricordato della sua alleanza,

parola data per mille generazioni,

dell’alleanza stabilita con Abramo

e del suo giuramento a Isacco.

 

EPISTOLA 1Ts 1, 2-10

Prima lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicesi

Fratelli, rendiamo sempre grazie a Dio per tutti voi, ricordandovi nelle nostre preghiere e tenendo continuamente presenti l’operosità della vostra fede, la fatica della vostra carità e la fermezza della vostra speranza nel Signore nostro Gesù Cristo, davanti a Dio e Padre nostro. Sappiamo bene, fratelli amati da Dio, che siete stati scelti da lui. Il nostro Vangelo, infatti, non si diffuse fra voi soltanto per mezzo della parola, ma anche con la potenza dello Spirito Santo e con profonda convinzione: ben sapete come ci siamo comportati in mezzo a voi per il vostro bene. E voi avete seguito il nostro esempio e quello del Signore, avendo accolto la Parola in mezzo a grandi prove, con la gioia dello Spirito Santo, così da diventare modello per tutti i credenti della Macedonia e dell’Acaia. Infatti per mezzo vostro la parola del Signore risuona non soltanto in Macedonia e in Acaia, ma la vostra fede in Dio si è diffusa dappertutto, tanto che non abbiamo bisogno di parlarne. Sono essi infatti a raccontare come noi siamo venuti in mezzo a voi e come vi siete convertiti dagli idoli a Dio, per servire il Dio vivo e vero e attendere dai cieli il suo Figlio, che egli ha risuscitato dai morti, Gesù, il quale ci libera dall’ira che viene.

Commento al filmato:nello stupendo “Andante”della Sonata in Si b di Mozart, il Violino e il Clavicembalo si impegnano in un dialogo appassionato, con melodie ineffabili, per cantare questo brano della lettera ai tessalonicesi in cui san Paolo rende grazie per la diffusione della fede: 

Fratelli, rendiamo sempre grazie a Dio per tutti voi, ricordandovi nelle nostre preghiere e tenendo continuamente presenti l’operosità della vostra fede, la fatica della vostra carità e la fermezza della vostra speranza nel Signore nostro Gesù Cristo, davanti a Dio e Padre nostro. 

VANGELO Gv 6, 59-69

✠ Lettura del Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo. Il Signore Gesù disse queste cose, insegnando nella sinagoga a Cafàrnao. Molti dei suoi discepoli, dopo aver ascoltato, dissero: «Questa parola è dura! Chi può ascoltarla?». Gesù, sapendo dentro di sé che i suoi discepoli mormoravano riguardo a questo, disse loro: «Questo vi scandalizza? E se vedeste il Figlio dell’uomo salire là dov’era prima? È lo Spirito che dà la vita, la carne non giova a nulla; le parole che io vi ho detto sono spirito e sono vita. Ma tra voi vi sono alcuni che non credono». Gesù infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito. E diceva: «Per questo vi ho detto che nessuno può venire a me, se non gli è concesso dal Padre». Da quel momento molti dei suoi discepoli tornarono indietro e non andavano più con lui. Disse allora Gesù ai Dodici: «Volete andarvene anche voi?». Gli rispose Simon Pietro: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il santo di Dio».

Commento al filmato:una emozione inenarrabile ci coglie nell’ascolto del canto struggente, appassionato, dell’Oboe con l’Orchestra, nello stupendo “Larghetto” del Concerto in Do Magg di Vivaldi, carico dell’Amore ardente di Gesù, ferito dal rifiuto di quelli che lo hanno abbandonato, tuttavia disposto anche a perdere la sequela dei dodici “volete andarvene anche voi?”, ma: 

Gli rispose Simon Pietro: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.