Location,TX 75035,USA

27 Novembre 2022 3a Domenica di Avvento Omelia di don Angelo

ArteMusicaPoesia

27 Novembre 2022 3a Domenica di Avvento Omelia di don Angelo

Una precedenza che si sta scolorendo

27 novembre 2022 terza domenica di Avvento

Omelia di don Angelo

Oggi ancora a parlare di sogni e non solo di sogni. Ed è come se il sogno, cui alludevamo la scorsa domenica, si dilatasse, prendesse anche concretezza. Di visi, di terra. Ascoltate: “Allora si apriranno gli occhi dei ciechi e si schiuderanno gli orecchi dei sordi. Allora lo zoppo salterà come un cervo, griderà di gioia la lingua del muto, perché scaturiranno acque nel deserto, scorreranno torrenti nella steppa. La terra bruciata diventerà una palude, il suolo riarso sorgenti d’acqua. I luoghi dove si sdraiavano gli sciacalli diventeranno canneti e giuncaie”.

Vi dicevo, è come se il  sogno in un certo senso  si dilatasse e insieme si abbassasse. In che senso? Innanzitutto nel senso che a sognare giustamente ci sono tutti. Non è un sogno che a permetterselo sono solo pochi. Entrano anche gli esclusi, zoppi, muti ciechi.  Hanno diritto sia a sognare sia credere che qualcosa del sogno si avveri. A nessuno dite:” Tanto tu…”.

Di più – e pensate all’attualità di questo messaggio –  a sussultare per il sogno non è solo l’umanità, non sono solo donne e uomini, è anche la terra: “Scaturiranno acque nel deserto, scorreranno torrenti nella steppa. La terra bruciata diventerà una palude, il suolo riarso sorgenti d’acqua”.

Il sogno si dilata, al punto che domanda ineludibile sarebbe, quando si fanno progetti, chiederci se ci sono tutti nel nostro  progettare,  e in primis i ciechi, gli zoppi, i muti, e poi la terra, questa nostra terra, che brucia.

Vi dicevo che nel sogno entrano gli esclusi, non solo entrano, ma occupano – se vogliamo stare con le parole di Gesù – i primi posti. Mettili in prima fila.  E questo è il segno per dire che è in atto la visita di Dio sulla terra, nel Messia. “Andate e riferite a Giovanni ciò che udite e vedete: i ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciato il Vangelo. E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!”. Quasi dicesse: “Non scandalizzatevi, questa è la mia carta di identità, questo lo spirito che mi urge dentro, questa la passione che mi accende: che ritornino a sognare, a credere che qualcosa possa accadere a loro, per primi, proprio loro, i più sventurati. “Sventurati”, quelli per cui la vita non è una ventura, un futuro da sognare, ma un male da vivere, senza futuro. La mia visita comincia da loro”.

C’è – voi mi capite – una precedenza. Una precedenza che andava onorata nei giorni a seguire, perché si potesse dire che la visita di Dio in Gesù continua ininterrotta nel tempo: dare precedenza a zoppi, cechi, muti, ai poveri. La precedenza è andata scolorendo nel tempo. E oggi che un Papa la va ricordando con insistenza, a qualcuno la sua voce accorata dà fastidio, qualcun altro grida allo scandalo, altri giungono a dire che le chiese non parlano più di Dio.  Ma se si scolorisce la precedenza,  non è che si scolorisca anche Dio?

Non sono uno storico né un teologo per dirvi se nei primi secoli la precedenza dei poveri fosse più onorata, meno scolorita di oggi. So che mi ritorna alla mente un passo della “Didascalia degli Apostoli”, terzo secolo, che, prescriveva che ad accogliere nell’assemblea i poveri,  uomini o donne che fossero, doveva essere il vescovo stesso e non i diaconi e che doveva essere ancora il vescovo a procurare loro un posto e che, se questo non si fosse trovato, doveva cedere il suo e sedere a terra ai loro piedi.

Procurare un posto agli ultimi, ecco la concretezza: procurare loro un posto nei nostri pensieri, nei nostri programmi,  nella chiesa, nella società. In questo senso vi dicevo che i sogni vanno abbassati, nella concretezza, perché non suonino a vuoto e non siano solo un pretesto.

Vorrei anche confidarvi che, quando  nei Profeti leggo parole di grande respiro come quelle che oggi abbiamo ascoltato, mi esalto, sogno, come voi, penso. Ma  poi, come a voi, mente e  cuore mi battono dentro, corrono alle situazioni drammatiche che stiamo vivendo, alla sofferenza di tanti, di troppi, alla loro fatica di vivere. Metto a confronto immagini dei profeti e immagini della terra e mi rimangono ombre nel cielo dell’anima, un sentimento  triste di distanza tra limpidezza di  sogni e crudezza della realtà.

Che cosa fare? Cancelliamo i sogni, per stare con i piedi sulla terra? Cancelliamo dagli occhi la terra per evadere con sogni nel cielo? Ebbene penso – come voi credo  – che la vera genialità sia abitare la distanza, abitare la distanza  tra sogno e realtà. Abitarla come una terra di mezzo, e cercare di far accadere, sulla terra di mezzo, non spezzoni di guerra, ma spezzoni di sogni, dei sogni che ci abitano.

Faccio ritorno alle parole del profeta Isaia per ricordare a me stesso, ma anche a voi, come siano mille e più i gesti –  e altri ancora da inventare  – con cui oggi  “aprire gli occhi ai ciechi, schiudere gli orecchi dei sordi, far saltare come un cervo gli zoppi, far gridare di gioia i muti”. Non siamo, né ci importa di essere, donne e uomini dei miracoli. Riconosciamo, senza mascherarla, la nostra misura. La pienezza del sogno non sta nelle nostre mani, ma ritagli del sogno si, nelle nostre  nude mani.

Non vorrei sembrare irriverente – la distanza è  immensa – eppure  a volte penso alla tristezza di Gesù:  nemmeno a lui riusciva di arrivare a tutti, prolungava la giornata sino a sera tardi pur di guarire i malati – così racconta Marco – -poi accadeva la notte.

A noi accade molto prima, a noi non è dato far accadere in pienezza i sogni. Ma possiamo osare ritagli di sogni, possiamo condividerli, possiamo farne progetti. La parola “progetto” nella sua etimologia allude a un “gettare in avanti”: spingere verso un mondo che sia più umano e quindi anche più divino, più vicino ai sogni di Dio. Un Dio che, ancora oggi, spinge in avanti e con il profeta dice – voi lo udite –: ”Irrobustite le mani fiacche, rendete salde le ginocchia vacillanti. Dite agli smarriti di cuore: “Coraggio, non temete”.

Le Letture

LETTURA Is 35, 1-10

Lettura del profeta Isaia

Così dice il Signore Dio: «Si rallegrino il deserto e la terra arida, esulti e fiorisca la steppa. Come fiore di narciso fiorisca; sì, canti con gioia e con giubilo. Le è data la gloria del Libano, lo splendore del Carmelo e di Saron. Essi vedranno la gloria del Signore, la magnificenza del nostro Dio. Irrobustite le mani fiacche, rendete salde le ginocchia vacillanti. Dite agli smarriti di cuore: “Coraggio, non temete! Ecco il vostro Dio, giunge la vendetta, la ricompensa divina. Egli viene a salvarvi”. Allora si apriranno gli occhi dei ciechi e si schiuderanno gli orecchi dei sordi. Allora lo zoppo salterà come un cervo, griderà di gioia la lingua del muto, perché scaturiranno acque nel deserto, scorreranno torrenti nella steppa. La terra bruciata diventerà una palude, il suolo riarso sorgenti d’acqua. I luoghi dove si sdraiavano gli sciacalli diventeranno canneti e giuncaie. Ci sarà un sentiero e una strada e la chiameranno via santa; nessun impuro la percorrerà. Sarà una via che il suo popolo potrà percorrere e gli ignoranti non si smarriranno. Non ci sarà più il leone, nessuna bestia feroce la percorrerà o vi sosterà. Vi cammineranno i redenti. Su di essa ritorneranno i riscattati dal Signore e verranno in Sion con giubilo; felicità perenne splenderà sul loro capo; gioia e felicità li seguiranno e fuggiranno tristezza e pianto».

Commento al filmato: con una cascata di note cristalline, gioiose, esultanti, a tratti dolcissime, il Pianoforte dello spumeggiante “Allegro con Brio” nella splendida Sonata in Do Magg di Beethoven, fa un racconto sfavillante di questa profezia di Isaia cantando:

«Si rallegrino il deserto e la terra arida, esulti e fiorisca la steppa. Come fiore di narciso fiorisca; sì, canti con gioia e con giubilo. Le è data la gloria del Libano, lo splendore del Carmelo e di Saron. Essi vedranno la gloria del Signore, la magnificenza del nostro Dio. Irrobustite le mani fiacche, rendete salde le ginocchia vacillanti.

SALMO Sal 84 (85)

Mostraci, Signore, la tua misericordia

e donaci la tua salvezza.

Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore:

egli annuncia la pace

per il suo popolo, per i suoi fedeli,

per chi ritorna a lui con fiducia.

Sì, la sua salvezza è vicina a chi lo teme,

perché la sua gloria abiti la nostra terra. R

Amore e verità s’incontreranno,

giustizia e pace si baceranno.

Verità germoglierà dalla terra

e giustizia si affaccerà dal cielo. R

Certo, il Signore donerà il suo bene

e la nostra terra darà il suo frutto;

giustizia camminerà davanti a lui:

i suoi passi tracceranno il cammino. R

Commento al filmato: è di una bellezza sfolgorante questo “Allegro”del Concerto Brandemburghese in Si b Magg di Bach; le mille voci dei Violoncelli solisti si inseguono, si moltiplicano in un canto struggente, appassionato del Salmo – che nel filmato viene riprodotto interamente:

Sì, la sua salvezza è vicina a chi lo teme, perché la sua gloria abiti la nostra terra. Amore e verità s’incontreranno, giustizia e pace si baceranno. Verità germoglierà dalla terra e giustizia si affaccerà dal cielo.

EPISTOLA Rm 11, 25-36

Lettera di san Paolo apostolo ai Romani

Non voglio che ignoriate, fratelli, questo mistero, perché non siate presuntuosi: l’ostinazione di una parte d’Israele è in atto fino a quando non saranno entrate tutte quante le genti. Allora tutto Israele sarà salvato, come sta scritto: «Da Sion uscirà il liberatore, egli toglierà l’empietà da Giacobbe. Sarà questa la mia alleanza con loro quando distruggerò i loro peccati». Quanto al Vangelo, essi sono nemici, per vostro vantaggio; ma quanto alla scelta di Dio, essi sono amati, a causa dei padri, infatti i doni e la chiamata di Dio sono irrevocabili! Come voi un tempo siete stati disobbedienti a Dio e ora avete ottenuto misericordia a motivo della loro disobbedienza, così anch’essi ora sono diventati disobbedienti a motivo della misericordia da voi ricevuta, perché anch’essi ottengano misericordia. Dio infatti ha rinchiuso tutti nella disobbedienza, per essere misericordioso verso tutti! O profondità della ricchezza, della sapienza e della conoscenza di Dio! Quanto insondabili sono i suoi giudizi e inaccessibili le sue vie! Infatti, «chi mai ha conosciuto il pensiero del Signore? O chi mai è stato suo consigliere? O chi gli ha dato qualcosa per primo tanto da riceverne il contraccambio?». Poiché da lui, per mezzo di lui e per lui sono tutte le cose. A lui la gloria nei secoli. Amen.

Commento al filmato: Solennità, esultanza, giubilo sono emozioni che ci trasmette la splendida “Overture” del “Teseo” di Händel sino alla esplosione di note finali gioiose che cantano:

O profondità della ricchezza, della sapienza e della conoscenza di Dio! Quanto insondabili sono i suoi giudizi e inaccessibili le sue vie! Infatti, chi mai ha conosciuto il pensiero del Signore? O chi mai è stato suo consigliere? O chi gli ha dato qualcosa per primo tanto da riceverne il contraccambio?

VANGELO Mt 11, 2-15

✠ Lettura del Vangelo secondo Matteo

In quel tempo. Giovanni, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, per mezzo dei suoi discepoli mandò a dirgli: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». Gesù rispose loro: «Andate e riferite a Giovanni ciò che udite e vedete: i ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciato il Vangelo. E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!». Mentre quelli se ne andavano, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? Allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ecco, quelli che vestono abiti di lusso stanno nei palazzi dei re! Ebbene, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, io vi dico, anzi, più che un profeta. Egli è colui del quale sta scritto: “Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero, davanti a te egli preparerà la tua via”. In verità io vi dico: fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni il Battista; ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui. Dai giorni di Giovanni il Battista fino ad ora, il regno dei cieli subisce violenza e i violenti se ne impadroniscono. Tutti i profeti e la Legge infatti hanno profetato fino a Giovanni. E, se volete comprendere, è lui quell’Elia che deve venire. Chi ha orecchi, ascolti!».

Commento al filmato: è di una bellezza spettacolare la “Fuga” del Concerto in Do Magg di Bach, i due Pianoforti e l’Orchestra si scatenano in un caleidoscopio di entusiasmanti armonie per cantare esultanti 

«Andate e riferite a Giovanni ciò che udite e vedete: i ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciato il Vangelo. E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.