Location,TX 75035,USA

7 Agosto 2022 9a Domenica dopo Pentecoste Omelia di don Angelo

ArteMusicaPoesia

7 Agosto 2022 9a Domenica dopo Pentecoste Omelia di don Angelo

A volte basta un’ombra

Nona domenica dopo Pentecoste 7 agosto 2022

Omelia di don Angelo

Un nome ci rincorre nelle letture di oggi, quello di  Davide, il re Davide. Più  a lungo nel racconto del Primo Testamento; per accenni nella lettera a Timoteo; in una dissertazione rabbinica nel vangelo di Matteo, dove Gesù – perdonate – sembra quasi prenderci gusto a scompigliare i pensieri, quando, alla sua domanda sul Messia e su di chi fosse figlio, i farisei rispondono: “figlio di Davide”. Tra l’altro, non sembra essere stato un titolo che gli fosse molto congeniale, anche se glielo avevano gridato pochi giorni prima, acclamandolo per le strade. Lui preferiva attribuirsi il titolo di “figlio dell’uomo”. Chissà, forse anche perchè nel tempo il titolo di “figlio di Davide” aveva assunto colorazioni politiche, da cui  Gesù rifuggiva.

Ebbene io oggi vorrei sostare un poco con voi sul racconto dell’inizio della storia di Davide. E mi accompagnano le suggestioni di alcuni pensieri di un biblista, gesuita belga, Jean Louis Ska, che vede negli inizi della storia di Davide l’accadere di un cambiamento: è l’elezione di un giovane. Per valutare il dirottamento, basterebbe ricordare quanto onore e apprezzamento sia riservato nella Bibbia, ma non solo nella Bibbia, nell’antichità in genere, alla vecchiaia: “Gli anziani possiedono la saggezza, presiedono numerose assemblee, prendono decisioni o giudicano in molte circostanze”.

Eppure ci sono pagine nella Bibbia che ci ricordano come Dio vada a volte per strade inconsuete: quella della elezione di Davide ne è un esempio luminoso. Dio sceglie il più giovane. Un ragazzo. Non è tra i sette figli convocati da Samuele. “Iesse fece passare davanti a Samuele i suoi sette figli e Samuele ripeté a Iesse: “Il Signore non ha scelto nessuno di questi”. Samuele chiese a Iesse: “Sono qui tutti i giovani?”. Rispose Iesse: ”Rimane ancora il più piccolo, che ora sta a pascolare il gregge”. Samuele disse a Iesse: “Manda a prenderlo, perché non ci metteremo a tavola prima che egli sia venuto qui”. Lo mandò a chiamare e lo fece venire. Era fulvo, con begli occhi e bello di aspetto. Disse il Signore: “Àlzati e ungilo: è lui!”. Samuele prese il corno dell’olio e lo unse in mezzo ai suoi fratelli, e lo spirito del Signore irruppe su Davide da quel giorno in poi”.

Voi mi capite, non conta la primogenitura, la discendenza, la statura. Questi sono i vecchi criteri che avevano indotto Samuele a pensare di trovarsi di fronte all’eletto, quando Iesse gli presentò il suo primo figlio. Ma proprio in quel momento Dio aveva svelato un nuovo criterio per la scelta. Il Signore replicò a Samuele: “Non guardare al suo aspetto né alla sua alta statura. Io l’ho scartato, perché non conta quel che vede l’uomo: infatti l’uomo vede l’apparenza, ma il Signore vede il cuore”.

Scrive Padre Ska: “Questo racconto è particolarmente importante perché invita il lettore a un “cambio di paradigma”: dopo il fallimento di Saul, non basta cambiare il re, bisogna, soprattutto, cambiare i criteri di scelta. È importante ricordare che nella Bibbia il cuore è la sede dell’intelligenza, del discernimento e delle decisioni. In parole a noi più vicine, Dio chiede a Samuele di cercare soprattutto una persona intelligente, capace e con buon senso. Le qualità legate alla nascita o alla genealogia, come l’altezza, la bellezza e la primogenitura, sono secondarie. Le qualità interiori devono guidare nella scelta di un sovrano. Per questo la scelta del nuovo re ricade su Davide, il più giovane, che riceve l’unzione reale da Samuele e lo spirito del Signore irruppe su Davide da quel giorno in poi”.

Mi sembra preziosa la riflessione di padre Ska, preziosa e di un’attualità bruciante, ma, temo, in vigilia di essere ancora una volta disattesa, tradita da vecchi paradigmi. Pensate, non conta l’apparenza. Nella società dell’apparire. Contano le qualità interiori.

Confesso, sono rimasto abbagliato – è bellissimo – da questo versetto: “E lo spirito irruppe su Davide”. Su un giovane. Non so se ce ne accorgiamo, se ci accorgiamo che abbiamo bisogno – un bisogno improrogabile in un contesto come il nostro – dell’audacia e della intraprendenza dei giovani. Aprirsi al nuovo, all’inedito. Bisogno urgente di uno Spirito che irrompa. E irrompere non è verbo per sedentari. Non è il verbo delle vecchie formule, di coloro che dopo anni ripetono le stesse parole, sino alla noia. E’ verbo per sognatori.

Ma ora vorrei aprire una breve riflessione su una espressione con cui spesso designiamo il re Davide; siamo soliti dire: “Il santo re Davide”. Mi chiedo: “Non dovremo forse dare altro volto all’immagine della santità?”. Il pensiero mi corre da un lato alla vita del re Davide, una vita tutt’altro che immacolata, dall’altro al Card. Martini che così intitolò il suo libro su Davide: “Credente e peccatore”. In Davide, ma anche in ciascuno di noi, si affacciano, quasi ad un appuntamento il “credente” e il “peccatore”. Da un lato a segnalarci che, pur essendo credenti, non siamo poi così immacolati; dall’altro a dirci che, pur peccatori, ci rimane la possibilità di rifiorire. Come fu per Davide.

“C’è una cosa più importante del nostro fiorire” – scrive il cardinale e poeta José Tolentino Mendonça –  “ed è il nostro rifiorire. Che la notizia circoli tra quei feriti che noi tutti siamo; giunga a quanti hanno tentato e sbagliato; riscatti coloro che si sono perduti nei corridoi lunghi dei loro inverni”.

E, quasi eco bellissima a queste parole, quelle di un giovane amico, monaco di Bose, Emanuele Borsotti, che, proprio in questi giorni, in un suo scritto ci ricorda come a noi è affidato il ministero della cura, affinchè attraverso i nostri gesti e le nostre parole “il Cristo possa continuare a carezzare le vite ferite di uomini e donne, che portano un peso nell’intimo dei cuori o nella sofferenza della carne” . Emanuele ricorda come agli albori della chiesa bastasse l’ombra di Pietro a guarire infermi su lettucci e barelle. E aggiunge: “A volte basta un’ombra, uno scampolo di stoffa, una briciola caduta dalla tavola che sfama un cucciolo, ma in quel frammento abita già il tutto della grazia”. 

 Le Letture

LETTURA 1Sam 16, 1-13
Lettura del primo libro di Samuele

In quei giorni. Il Signore disse a Samuele: «Fino a quando piangerai su Saul, mentre io l’ho ripudiato perché non regni su Israele? Riempi d’olio il tuo corno e parti. Ti mando da Iesse il Betlemmita, perché mi sono scelto tra i suoi figli un re». Samuele rispose: «Come posso andare? Saul lo verrà a sapere e mi ucciderà». Il Signore soggiunse: «Prenderai con te una giovenca e dirai: “Sono venuto per sacrificare al Signore”. Inviterai quindi Iesse al sacrificio. Allora io ti farò conoscere quello che dovrai fare e ungerai per me colui che io ti dirò». Samuele fece quello che il Signore gli aveva comandato e venne a Betlemme; gli anziani della città gli vennero incontro trepidanti e gli chiesero: «È pacifica la tua venuta? ». Rispose: «È pacifica. Sono venuto per sacrificare al Signore. Santificatevi, poi venite con me al sacrificio». Fece santificare anche Iesse e i suoi figli e li invitò al sacrificio. Quando furono entrati, egli vide Eliàb e disse: «Certo, davanti al Signore sta il suo consacrato!». Il Signore replicò a Samuele: «Non guardare al suo aspetto né alla sua alta statura. Io l’ho scartato, perché non conta quel che vede l’uomo: infatti l’uomo vede l’apparenza, ma il Signore vede il cuore». Iesse chiamò Abinadàb e lo presentò a Samuele, ma questi disse: «Nemmeno costui il Signore ha scelto». Iesse fece passare Sammà e quegli disse: «Nemmeno costui il Signore ha scelto». Iesse fece passare davanti a Samuele i suoi sette figli e Samuele ripeté a Iesse: «Il Signore non ha scelto nessuno di questi». Samuele chiese a Iesse: «Sono qui tutti i giovani?». Rispose Iesse: «Rimane ancora il più piccolo, che ora sta a pascolare il gregge». Samuele disse a Iesse: «Manda a prenderlo, perché non ci metteremo a tavola prima che egli sia venuto qui». Lo mandò a chiamare e lo fece venire. Era fulvo, con begli occhi e bello di aspetto. Disse il Signore: «Àlzati e ungilo: è lui!». Samuele prese il corno dell’olio e lo unse in mezzo ai suoi fratelli, e lo spirito del Signore irruppe su Davide da quel giorno in poi. Samuele si alzò e andò a Rama.

Commento al filmato:è un momento di grande solennità nella storia della Salvezza che Dio guida con infinita Sapienza – la scelta di colui che sarà capostipite del Salvatore, Davide; una scelta che avviene con intervento diretto per bocca del profeta Samuele. – Nella spettacolare “Fuga”in La min di Bach, trascritta per Quartetto d’Archi dal “Clavicembalo ben Temperato”, i due Violini, la Viola e il Violoncello, si impegnano in un affascinante, solenne dialogo per raccontare lo straordinario evento: 

Samuele disse a Iesse: «Manda a prenderlo, perché non ci metteremo a tavola prima che egli sia venuto qui». Lo mandò a chiamare e lo fece venire. Era fulvo, con begli occhi e bello di aspetto. Disse il Signore:

«Àlzati e ungilo: è lui!».

Samuele prese il corno dell’olio e lo unse in mezzo ai suoi fratelli,

e lo spirito del Signore irruppe su Davide da quel giorno in poi.

SALMO Sal 88 (89)

La tua mano, Signore, sostiene il tuo eletto.

Un tempo, Signore,
parlasti in visione ai tuoi fedeli, dicendo:
«Ho portato aiuto a un prode,
ho esaltato un eletto tra il mio popolo. R

Ho trovato Davide, mio servo,
con il mio santo olio l’ho consacrato;
la mia mano è il suo sostegno,
il mio braccio è la sua forza. R

Egli mi invocherà: “Tu sei mio padre,
mio Dio e roccia della mia salvezza”.
Io farò di lui il mio primogenito,
il più alto fra i re della terra». R

Commento al filmato:è di una bellezza spettacolare, imponente, la “Fuga” da “Dorische Toccata & Fuge” di Bach, le note maestose, possenti dell’Organo, cantano con toni di grande solennità il Responsoriale «La tua mano, Signore, sostiene il tuo eletto»del Salmo 88/89 che viene riprodotto interamente nel filmato:

Ho trovato Davide, mio servo, con il mio santo olio l’ho consacrato; la mia mano è il suo sostegno, il mio braccio è la sua forza.

EPISTOLA 2Tm 2, 8-13
Seconda lettera di san Paolo apostolo a Timòteo

Carissimo, ricòrdati di Gesù Cristo, risorto dai morti, discendente di Davide, come io annuncio nel mio Vangelo, per il quale soffro fino a portare le catene come un malfattore. Ma la parola di Dio non è incatenata! Perciò io sopporto ogni cosa per quelli che Dio ha scelto, perché anch’essi raggiungano la salvezza che è in Cristo Gesù, insieme alla gloria eterna. Questa parola è degna di fede: Se moriamo con lui, con lui anche vivremo; se perseveriamo, con lui anche regneremo; se lo rinneghiamo, lui pure ci rinnegherà; se siamo infedeli, lui rimane fedele, perché non può rinnegare se stesso.

Commento al filmato:le note dolcissime, nostalgiche, del Pianoforte di questo delizioso, emozionante “Waltzer” in LA b Magg di Brahms cantano la Salvezza che viene da«Gesù Cristo, della stirpe di Davide.»:

Ma la parola di Dio non è incatenata! Perciò io sopporto ogni cosa per quelli che Dio ha scelto, perché anch’essi raggiungano la salvezza che è in Cristo Gesù, insieme alla gloria eterna.

VANGELO Mt 22, 41-46
✠ Lettura del Vangelo secondo Matteo

In quel tempo. Mentre i farisei erano riuniti insieme, il Signore Gesù chiese loro: «Che cosa pensate del Cristo? Di chi è figlio?». Gli risposero: «Di Davide». Disse loro: «Come mai allora Davide, mosso dallo Spirito, lo chiama Signore, dicendo: “Disse il Signore al mio Signore: Siedi alla mia destra finché io ponga i tuoi nemici sotto i tuoi piedi”? Se dunque Davide lo chiama Signore, come può essere suo figlio?». Nessuno era in grado di rispondergli e, da quel giorno, nessuno osò più interrogarlo.

Commento al filmato:«Che cosa pensate del Cristo? Di chi è figlio?» a questa domanda di Gesù i farisei non sanno rispondere, ecco allora l’annuncio di Gesù:

Disse il Signore al mio Signore: Siedi alla mia destra finché io ponga i tuoi nemici sotto i tuoi piedi?

le note sognanti misteriose, del Pianoforte nel ” Poco più andante” del Waltzer di Brahms, cantano incantate, la profezia di Davide.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.