Location,TX 75035,USA

Pietrasanta città d’Arte – il Duomo

ArteMusicaPoesia

Pietrasanta città d’Arte – il Duomo

Pietrasanta città d’Arte (Wikipedia)

Storia

Ducato di Tuscia
aureo di Aistolfo, 749

Le ricche testimonianze archeologiche e le sicure fonti storiche attestano e comprovano la continua presenza dell’uomo nella terra dominata dall’antica Pietra Apuana. Vi si avvicendano EtruschiLiguri-ApuaniRomani e, dopo il crollo dell’Impero Romano d’Occidente, i Longobardi.

Il Ducato longobardo ha lasciato nel luogo una ricca e varia eredità: toponimi, cognomi, fondazioni e, soprattutto, il seme dal quale sarebbero poi discesi i Nobili di Corvaia e di Vallecchia, feudatari di Versilia.

Repubblica di Lucca

Ma tutto questo succedeva quando Pietrasanta ancora non esisteva. Per veder nascere il suo borgo murato, si sarebbe dovuto attendere il 1255 quando, per contrastare le consorterie feudali dei Vallecchia e dei Corvaia, il nobile milanese Guiscardo di Pietrasanta[4]Podestà della Repubblica di Lucca, decise di fondarla ai piedi della preesistente Rocca longobarda e del borgo chiamato Sala[5]. Per popolare la nuova città vi fece trasferire gli abitanti di Corvaia e di altri luoghi[6].
Ancora oggi la cittadina versiliese adotta come stemma quello della famiglia dei Pietrasanta, costituito da una colonna sormontata da un’ostia.

La fondazione duecentesca rappresenta la cesura fra due epoche storiche: la fine del periodo feudale con la cacciata dei Signori di Corvaia e Vallecchia, definiti Zelatores Pisani Communis e l’insediamento del nuovo potere Comunale.

Per la sua posizione strategico-militare e per l’importanza economica delle sue risorse agricole e minerarie, la Pietrasanta lucchese sarà oggetto di continue mire di conquista da parte pisanagenovese e fiorentina.

«Quel che mi piace è Pietrasanta:
bellissima cittadina, con piazza unica,
una cattedrale da grande città,
e, sfondo, le Alpi Apuane.
E che paese all’intorno!»

(Giosuè Carducci)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.