Location,TX 75035,USA

1 Maggio 2022 3a Domenica di Pasqua Omelia

ArteMusicaPoesia

1 Maggio 2022 3a Domenica di Pasqua Omelia

Da dove vengono le mie parole?

Terza domenica di Pasqua 

1 maggio 2022

Omelia di don Angelo

Il brano di vangelo che ora abbiamo ascoltato è relativamente breve. Ma il clima sottostante è di inquietudine, di turbamento, di tensione: pregiudizi, incomprensioni, schieramenti. Risultato? Oserei la parola “subbuglio”, subbuglio dentro e subbuglio fuori, dentro e fuori dell’anima.

Gesù lo troviamo nel tempio a Gerusalemme. Ma anche questa scelta di Gesù non era stata facile, veniva da un subbuglio del cuore. E dunque non meravigliamoci se può accadere anche a noi: la realtà non è sempre facile da interpretare. Capita di prendere una decisione e poi di ripensarci.

Così era accaduto a Gesù. Il vangelo racconta che lui era in Galilea e i suoi fratelli, presi da impazienza, lo sollecitavano a ritornare in Giudea: “Parti di qui e va’ nella Giudea perché anche i tuoi discepoli vedano le opere che tu fai. Nessuno infatti agisce di nascosto, se vuole venire riconosciuto pubblicamente. Se fai tali cose, manifèstati al mondo!”. Neppure i suoi fratelli infatti credevano in lui. Ebbene Gesù dapprima si negò alle loro impazienze; ma poi, visto che loro ci erano andati, ci ripensò e si mise in cammino  verso Gerusalemme.

Per i primi giorni si tenne nascosto. E fu subbuglio per le strade: “Verrà o non verrà?”. Poi a metà della festa salì al tempio, si mise ad insegnare. E fu subbuglio nel tempio. Subito nascevano domande: “Ma come mai parla di Scritture, senza aver studiato?”. E quando poi lui rispose che quelle parole gliele aveva messe in bocca suo Padre, cominciarono ad andare in confusione. E ancor più quando disse che loro non sapevano da dove venisse. Loro sapevano benissimo che veniva da Nazaret, mentre del Cristo era detto che sarebbe venuto da Betlemme. Lui diceva che era venuto dal Padre suo e che a testimoniarlo era suo Padre e, insieme, le opere che faceva: aveva fatto camminare lo storpio. Che subbuglio!

Frastornati certo. Ma lui a insistere sull’intimità che c’era tra lui e il Padre, lui a dire che quello era il vero luogo da cui venivano le sue parole. Che non erano alla fin fine sue, ma di suo Padre.

Leggendo il brano, in questi giorni, mi si apriva una riflessione che vorrei condividere con voi. Era come se mi si dicesse che le parole possono venire da un luogo altro, altro che non le labbra. E subito la domanda: “Da dove vengono le mie parole?”. Ed ecco come potrei rimodulare la domanda: “Le mie parole vengono da  un luogo alto o da un luogo basso, meschino?”. Gesù infatti diceva che, al contrario dei suoi oppositori, lui non cercava la sua gloria. Ci sono parole che vengono dal basso: dalla ricerca della gloria, della potenza, dell’interesse. A dare autenticità non è quindi un luogo fisico. Posso azzardarmi a dire – e voi mi capite – che a dare autenticità non sono le parole in se stesse, ma il luogo da dove vengono, l’intimo da cui vengono.

Questo pensiero mi porta a sostare con voi sulla parola “testimonianza”. E’ un termine che ricorre più volte oggi nei testi che abbiamo ascoltato. 

La testimonianza è qualcosa che viene da dentro, sono parole che vengono da una passione alta, che ti porta a volte anche lontano, e non importa dove. Non ci sono luoghi deputati. Il brano degli Atti degli Apostoli ne è una conferma: ci racconta di Paolo. Paolo, il bisogno di testimoniare Gesù, di raccontare di lui, se lo porta dentro. E per lui, giunto in catene a Roma, diventa occasione di testimonianza anche la casa in cui è agli arresti domiciliari, in attesa di processo. 

Perdonate il mio modo di esprimermi: come la testimonianza, la parola del Figlio di Dio divenne carne, così la nostra testimonianza, la nostra parola è chiamata a non rimanere vuota parola, ma a diventare carne, corpo, a diventare piedi che si affrettano, occhi che si commuovono, mani che abbracciano, voce che vibra. E non una parola senza tutto questo. Gesù si è affrettato, si è commosso, ha abbracciato. Oggi si affretta, oggi si commuove, oggi ci abbraccia. E’ così che racconta la sua intimità con il Padre. Non con parole pallide, svuotate di cuore. E così chiede a noi di testimoniarlo. 

Nel racconto degli Atti mi ha colpito una precedenza dei verbi. Se sia casuale, non so. So che mi ha colpito. Ai notabili dei Giudei Paolo dice: “Ecco perché vi ho chiamati: per vedervi e parlarvi”. Quasi che il desiderio di vederli venisse prima del desiderio di parlare loro. Vale per tutto e per tutti. 

Vale nei confronti di Dio. Pensate alle nostre preghiere: se non stiamo accucciati in presenza, diventano nenia, una stanca litania. Vale per le nostre parole nei confronti di ogni donna, di ogni uomo, di ogni essere creato: se non li sfioriamo con gli occhi, le nostre parole impallidiscono. E dunque il desiderio di vedere, di sforare con gli occhi, prima di parlare. Una attenzione agli altri, una presenza, un esserci – si diceva prima –  come luogo di nascita della parola: “Vi ho chiamato per vedervi e parlarvi”. 

Può essere che io sbagli  –  e il primo a confessare la distanza da quello che vi sto dicendo sono io – ma a volte sembra di vivere una stagione in cui si parla senza vedere l’altro, l’altra, gli altri. Non è forse quello che succede in tanti dibattiti, si parla e si guarda altro. E che cosa cambierebbe se ad una trattativa si andasse prima per vedersi e poi per parlare? Si parla, ma non ci si guarda. E così tutto diventa parola e nulla accade. Non si parte da ciò che si vede. Il Verbo si è fatto carne. Dai suoi piedi, dalle sue mani, dai suoi occhi, dalla sua voce, dalla sua immensa attenzione, abbiamo capito che potevamo credergli. E vale proprio per tutto.

Lo dice, con parole che sfiorano la poesia, uno scrittore francese, che alcuni di noi hanno imparato ad amare, Christian Bobin. Concludo con le sue parole. Scrive: “Ci sono anche delle campanule che tengono discorsi di una dolcezza che fa paura. Non credo a ciò che uno mi dice. Credo al modo in cui mi è stato detto”. 

LETTURA At 28, 16-28

Lettura degli Atti degli Apostoli

In quei giorni. Arrivati a Roma, fu concesso a Paolo di abitare per conto suo con un soldato di guardia. Dopo tre giorni, egli fece chiamare i notabili dei Giudei e, quando giunsero, disse loro: «Fratelli, senza aver fatto nulla contro il mio popolo o contro le usanze dei padri, sono stato arrestato a Gerusalemme e consegnato nelle mani dei Romani. Questi, dopo avermi interrogato, volevano rimettermi in libertà, non avendo trovato in me alcuna colpa degna di morte. Ma poiché i Giudei si opponevano, sono stato costretto ad appellarmi a Cesare, senza intendere, con questo, muovere accuse contro la mia gente. Ecco perché vi ho chiamati: per vedervi e parlarvi, poiché è a causa della speranza d’Israele che io sono legato da questa catena». Essi gli risposero: «Noi non abbiamo ricevuto alcuna lettera sul tuo conto dalla Giudea né alcuno dei fratelli è venuto a riferire o a parlar male di te. Ci sembra bene tuttavia ascoltare da te quello che pensi: di questa setta infatti sappiamo che ovunque essa trova opposizione». E, avendo fissato con lui un giorno, molti vennero da lui, nel suo alloggio. Dal mattino alla sera egli esponeva loro il regno di Dio, dando testimonianza, e cercava di convincerli riguardo a Gesù, partendo dalla legge di Mosè e dai Profeti. Alcuni erano persuasi delle cose che venivano dette, altri invece non credevano. Essendo in disaccordo fra di loro, se ne andavano via, mentre Paolo diceva quest’unica parola: «Ha detto bene lo Spirito Santo, per mezzo del profeta Isaia, ai vostri padri: “Va’ da questo popolo e di’: Udrete, sì, ma non comprenderete; guarderete, sì, ma non vedrete. Perché il cuore di questo popolo è diventato insensibile, sono diventati duri di orecchi e hanno chiuso gli occhi, perché non vedano con gli occhi, non ascoltino con gli orecchi e non comprendano con il cuore e non si convertano, e io li guarisca!”. Sia dunque noto a voi che questa salvezza di Dio fu inviata alle nazioni, ed esse ascolteranno!».

Commento al filmato:Paolo è a Roma, come si direbbe oggi, “in domicilio coatto”, ma non può smettere di annunciare il Vangelo, e lo fa a suo modo convocando i capi dei Giudei e rifacendosi al comando del profeta Isaia, raccontato dallo scintillante caleidoscopio di armonie dello spettacolare “Largo – Allegro molto”del “Concerto per la solennità di S. Lorenzo” di Vivaldi:

Va’ da questo popolo e di’: Udrete, sì, ma non comprenderete; guarderete, sì, ma non vedrete. Perché il cuore di questo popolo è diventato insensibile,sono diventati duri di orecchie hanno chiuso gli occhi, perché non vedano con gli occhi, non ascoltino con gli orecchi e non comprendano con il cuore e non si convertano, e io li guarisca!

SALMO Sal 96 (97)

Donaci occhi, Signore, per vedere la tua gloria.

Oppure Alleluia, alleluia, alleluia.

Il Signore regna: esulti la terra,

gioiscano le isole tutte.

Giustizia e diritto sostengono il suo trono. R

Annunciano i cieli la sua giustizia,

e tutti i popoli vedono la sua gloria.

A lui si prostrino tutti gli dèi! R

Tu, Signore,

sei l’Altissimo su tutta la terra,

eccelso su tutti gli dèi. R

Commento al filmato:è di una bellezza spettacolare questo “Allegro non Molto”del Concerto in Mi di Vivaldi – le note gioiose, esultanti, del Violino solista accompagnate dagli accordi veementi dell’Orchestra, cantano con armonie sontuose, spumeggianti, la Gloria del Signore:

Donaci occhi, Signore, per vedere la tua gloria.

EPISTOLA Rm 1, 1-16b

Lettera di san Paolo apostolo ai Romani

Paolo, servo di Cristo Gesù, apostolo per chiamata, scelto per annunciare il vangelo di Dio – che egli aveva promesso per mezzo dei suoi profeti nelle sacre Scritture e che riguarda il Figlio suo, nato dal seme di Davide secondo la carne, costituito Figlio di Dio con potenza, secondo lo Spirito di santità, in virtù della risurrezione dei morti, Gesù Cristo nostro Signore; per mezzo di lui abbiamo ricevuto la grazia di essere apostoli, per suscitare l’obbedienza della fede in tutte le genti, a gloria del suo nome, e tra queste siete anche voi, chiamati da Gesù Cristo –, a tutti quelli che sono a Roma, amati da Dio e santi per chiamata, grazia a voi e pace da Dio, Padre nostro, e dal Signore Gesù Cristo! Anzitutto rendo grazie al mio Dio per mezzo di Gesù Cristo riguardo a tutti voi, perché della vostra fede si parla nel mondo intero. Mi è testimone Dio, al quale rendo culto nel mio spirito annunciando il vangelo del Figlio suo, come io continuamente faccia memoria di voi, chiedendo sempre nelle mie preghiere che, in qualche modo, un giorno, per volontà di Dio, io abbia l’opportunità di venire da voi. Desidero infatti ardentemente vedervi per comunicarvi qualche dono spirituale, perché ne siate fortificati, o meglio, per essere in mezzo a voi confortato mediante la fede che abbiamo in comune, voi e io. Non voglio che ignoriate, fratelli, che più volte mi sono proposto di venire fino a voi – ma finora ne sono stato impedito – per raccogliere qualche frutto anche tra voi, come tra le altre nazioni. Sono in debito verso i Greci come verso i barbari, verso i sapienti come verso gli ignoranti: sono quindi pronto, per quanto sta in me, ad annunciare il Vangelo anche a voi che siete a Roma. Io infatti non mi vergogno del Vangelo, perché è potenza di Dio per la salvezza di chiunque crede.

Commento al filmato:le note del Pianoforte dello spettacolare “Andante – Allegro – Andante”dalla“Ballata” da “Voci dei Popoli in Canzoni” di Brahms, cantano con toni ora misteriosi, ora esultanti, cantano il Desiderio di Paolo di predicare a Roma:

Paolo, servo di Cristo Gesù, apostolo per chiamata, scelto per annunciare il vangelo di Dio – che egli aveva promesso per mezzo dei suoi profeti nelle sacre Scritture e che riguarda il Figlio suo, nato dal seme di Davide secondo la carne, costituito Figlio di Dio con potenza, secondo lo Spirito di santità, in virtù della risurrezione dei morti, Gesù Cristo nostro Signore;

VANGELO Gv 8, 12-19

✠ Lettura del Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo. Il Signore Gesù parlò agli scribi e ai farisei e disse: «Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita». Gli dissero allora i farisei: «Tu dai testimonianza di te stesso; la tua testimonianza non è vera». Gesù rispose loro: «Anche se io do testimonianza di me stesso, la mia testimonianza è vera, perché so da dove sono venuto e dove vado. Voi invece non sapete da dove vengo o dove vado. Voi giudicate secondo la carne; io non giudico nessuno. E anche se io giudico, il mio giudizio è vero, perché non sono solo, ma io e il Padre che mi ha mandato. E nella vostra Legge sta scritto che la testimonianza di due persone è vera. Sono io che do testimonianza di me stesso, e anche il Padre, che mi ha mandato, dà testimonianza di me». Gli dissero allora: «Dov’è tuo padre?». Rispose Gesù: «Voi non conoscete né me né il Padre mio; se conosceste me, conoscereste anche il Padre mio»

Commento al filmato: le note possenti, solenni, dell’Organo nella stupenda “Fuga”in Mi b di Bach, danno uno straordinario splendore all’annuncio di Gesù, offuscando del tutto l’asprezza del contrasto con i giudei («Tu dai testimonianza di te stesso; la tua testimonianza non è vera»):

«Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.