Location,TX 75035,USA

20 Novembre 2022 2a Domenica di Avvento Omelia di don Angelo

ArteMusicaPoesia

20 Novembre 2022 2a Domenica di Avvento Omelia di don Angelo

Emozione e gesti di bellezza

20 novembre 2022 Seconda domenica di Avvento

Omelia di don Angelo

C’è qualcosa da sognare e c’è qualcosa da purificare.

L’invito a deporre la veste del lutto e dell’afflizione viene dal profeta Baruc. L’invito segue senza cesure il racconto di un sogno. Basta un sogno? “Ecco, ritornano i figli che hai visto partire, ritornano insieme riuniti, dal sorgere del sole al suo tramonto, alla parola del Santo, esultanti per la gloria di Dio”. Ebbene coloro cui si rivolgeva il profeta avevano negli occhi tutt’altro.

Molte volte ci siamo detti che abbiamo bisogno nella vita di parole che accendano sogni, di canti che suscitino un fremito, di emozioni che trascinino gesti di bellezza. E tu sai da chi vengono le parole che ti fanno sussultare, fremere e sognare. Da Dio, da chi ami, da quanti hanno uno sguardo che va più lontano.

Per troppo tempo abbiamo messo in guardia da sentimenti e da emozioni, privilegiando, in insegnamenti e riti, parole. anche sacrosante, ma svigorite, defraudate della poesia che oggi accendeva le parole del profeta Bauc. Sentite: “Poiché Dio ha deciso di spianare ogni alta montagna e le rupi perenni, di colmare le valli livellando il terreno, perché Israele proceda sicuro sotto la gloria di Dio”. Dio  non è certo per il livellamento della natura, noi adoriamo montagne e valli: sono il canto della diversità. La parola del profeta viene invece a dirci che contro il sogno di Dio è tutto ciò che  fa ostacolo ad un andare e a un venire, in umanità. Contro tutto ciò che tradisce la parola passaggio. Siamo discepoli di un Rabbi che non insegnava certo contenimenti, ma spingeva i suoi discepoli ad essere audaci:”Andate al largo” diceva.

Ora vorrei riproporvi – ma solo riproporvi – due perle preziose custodite nel testo del profeta Baruc.  Immagino che anche voi abbiate notato come le parole siano sposate: sarai chiamata da Dio per sempre: “Pace di giustizia” e “Gloria di pietà”. Non regge la pace senza giustizia né la giustizia senza la pace. Non regge la gloria senza la pietà né la pietà senza la  gloria.

Le parole del  profeta mettono in luce la bellezza del desiderio che ci abita, la forza dell’emozione che ci mette in camino. Mettersi in cammino. E penso alle folle che accorrevano da Giovanni nel deserto, lontano dai palazzi dei potenti, con cui si apriva oggi il brano di Luca. Certo quell’accorrere era anche abitato da fraintendimenti e Giovani con parole ruvide li porta alla luce. Ma – mi chiedo – quell’andare nel deserto non era forse anche  segno di gente ancora abitata da un’attesa? Non era una folla disillusa, inerte, inclina a dire: “è  sempre stato così”. Certo quel desiderio era da purificare. Desiderio di chi e di che cosa?

Sbaglierò, per un eccesso di fiducia, ma a me sembra di cogliere un barlume di luce nella domanda di coloro che accorrono al battesimo del Battista, quasi una disponibilità da parte di ogni categoria, a metterci qualcosa di personale, qualcosa di sé. Perché l’attesa – e voi mi capite –  la si può declinare affidando tutto alla potenza di chi arriva, oppure mettendo in gioco se stessi, Ed ecco le  folle chiedere: “Che cosa dobbiamo fare?”. E i pubblicani: “Maestro, che cosa dobbiamo fare?”. E alcuni soldati: “E noi, che cosa dobbiamo fare?”.

Dunque quello che sogniamo non è un evento magico, da attendere passivamente. Aveva cercato di farlo intendere il Battista predicando un battesimo non solo di acqua, ma di conversione. La parola “conversione” nel suo etimo greco, evoca spazi nuovi di pensiero, evoca un cambio di mentalità, un cambio di orizzonti in cui iscrivere la vita Il Battista dice alle folle: “Fate dunque frutti degni della conversione”. Andate incontro al Veniente facendo, ma chiedetevi da quale mentalità venga il vostro fare,  se i vostri sono “frutti degni di conversione” o se vengono da un orizzonte vecchio. Chissà se ce lo chiediamo di tanto in tanto: le cose che sto dicendo, facendo, dove hanno un’origine, da dove nascono, quale orizzonte le ispira? “Frutti degni della conversone”. Non si tratta solo di fare qualcosa.

Sognare dunque e purificare. Purificarci dall’attesa di una venuta di un Deus ex machina –viene lui e risolve tutto –. Purificare l’avvento dalla visione di un tempo in cui semplicemente aggiungere qualcosa.

Il Battista non invita a rimanere nel deserto o a cambiare casa o città o lavoro: non fa convocazione nel deserto, Fa convocazione – se così possiamo dire – nel luogo dove ognuno è. Ma invita a starci con un orizzonte diverso, che non sia l’indifferenza, il profitto, lo sfruttamento. Alle folle dice: “Chi ha due tuniche ne dia a chi non ne ha, e chi ha da mangiare faccia altrettanto”. A coloro che riscuotevano tasse: “Non esigete nulla di più di quanto vi è stato fissato”. Ai soldati: “Non maltrattate e non estorcete niente a nessuno; accontentatevi delle vostre paghe”. Vi muova, vi spinga un orizzonte diverso, quello del Veniente, lo spirito del Veniente: “Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco”. Parole imperdibili, queste del Battista e forse anche da purificare. Imperdibili perchè ci fanno intenti con gli occhi e il cuore al Signore che ancora quest’anno viene, viene e ci immerge nel suo Spirito: “Vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco”. Posso dire nel fuoco che gli ardeva e gli arde dentro?

CI chiediamo se anche il Battista non sia tra i convocati al battesimo in Spirito, perché la parola “fuoco” sulle sue labbra risuonava dura, incendiaria: “Brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile”.

Poi Gesù cominciò a passare per strade, raccontava parabole. E un giorno gliene venne una su grano e zizzania. Ai servi della parabola che volevano strappare la zizzania  e darle fuoco il padrone  disse che la lasciassero crescere sino al giorno della mietitura e che non sarebbe toccato a loro bruciarla.

Forse alcuni di voi ricordano ciò che accadde il giorno in cui a Gesù fu rifiutata ospitalità in un villaggio dei samaritani: “Veduto ciò” è scritto “i suoi discepoli Giacomo e Giovanni dissero: “Signore, vuoi che diciamo che un fuoco scenda dal cielo e li consumi?”  Ma egli si voltò verso di loro e li sgridò” (Lc 9,54-55).

Sognare, purificare.

Le Letture

LETTURA Bar 4, 36 – 5, 9

Lettura del profeta Baruc

Così dice il Signore Dio: «Guarda a oriente, Gerusalemme, osserva la gioia che ti viene da Dio. Ecco, ritornano i figli che hai visto partire, ritornano insieme riuniti, dal sorgere del sole al suo tramonto, alla parola del Santo, esultanti per la gloria di Dio. Deponi, o Gerusalemme, la veste del lutto e dell’afflizione, rivèstiti dello splendore della gloria che ti viene da Dio per sempre. Avvolgiti nel manto della giustizia di Dio, metti sul tuo capo il diadema di gloria dell’Eterno, perché Dio mostrerà il tuo splendore a ogni creatura sotto il cielo. Sarai chiamata da Dio per sempre: “Pace di giustizia” e “Gloria di pietà”. Sorgi, o Gerusalemme, sta’ in piedi sull’altura e guarda verso oriente; vedi i tuoi figli riuniti, dal tramonto del sole fino al suo sorgere, alla parola del Santo, esultanti per il ricordo di Dio. Si sono allontanati da te a piedi, incalzati dai nemici; ora Dio te li riconduce in trionfo, come sopra un trono regale. Poiché Dio ha deciso di spianare ogni alta montagna e le rupi perenni, di colmare le valli livellando il terreno, perché Israele proceda sicuro sotto la gloria di Dio. Anche le selve e ogni albero odoroso hanno fatto ombra a Israele per comando di Dio. Perché Dio ricondurrà Israele con gioia alla luce della sua gloria, con la misericordia e la giustizia che vengono da lui».

Commento al filmato: sono armonie di spettacolare bellezza e solennità quelle dell’Organo nello stupendo “Allegro” del Concerto in La min di Bach da “L’Estro Armonico” di Vivaldi; è un canto esultante“per la Gloria di Dio”:

«Guarda a oriente, Gerusalemme, osserva la gioia che ti viene da Dio. Ecco, ritornano i figli che hai visto partire, ritornano insieme riuniti, dal sorgere del sole al suo tramonto, alla parola del Santo, esultanti per la gloria di Dio.»

SALMO Sal 99 (100)

Popoli tutti, acclamate il Signore!

Acclamate il Signore, voi tutti della terra,

servite il Signore nella gioia,

presentatevi a lui con esultanza. R

Riconoscete che solo il Signore è Dio:

egli ci ha fatti e noi siamo suoi,

suo popolo e gregge del suo pascolo. R

Varcate le sue porte con inni di grazie,

i suoi atri con canti di lode,

lodatelo, benedite il suo nome; R

perché buono è il Signore,

il suo amore è per sempre,

la sua fedeltà di generazione in generazione. R

Commento al filmato: è di una bellezza sontuosa questo “Allegro” del Concerto in Fa Magg di Vivaldi, le note maestose di due Corni cantano con esultanza l’inno di lode del Responsoriale tratto dal Salmo 99 illuminato di luce splendente di “Gesù glorificato” di Beato Angelico e “Disputa del Sacramento” di Raffaello:

Acclamate il Signore, voi tutti della terra,
servite il Signore nella gioia,
presentatevi a lui con esultanza.

EPISTOLA Rm 15, 1-13

Lettera di san Paolo apostolo ai Romani

Fratelli, noi, che siamo i forti, abbiamo il dovere di portare le infermità dei deboli, senza compiacere noi stessi. Ciascuno di noi cerchi di piacere al prossimo nel bene, per edificarlo. Anche Cristo infatti non cercò di piacere a se stesso, ma, come sta scritto: «Gli insulti di chi ti insulta ricadano su di me». Tutto ciò che è stato scritto prima di noi, è stato scritto per nostra istruzione, perché, in virtù della perseveranza e della consolazione che provengono dalle Scritture, teniamo viva la speranza. E il Dio della perseveranza e della consolazione vi conceda di avere gli uni verso gli altri gli stessi sentimenti, sull’esempio di Cristo Gesù, perché con un solo animo e una voce sola rendiate gloria a Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo. Accoglietevi perciò gli uni gli altri come anche Cristo accolse voi, per la gloria di Dio. Dico infatti che Cristo è diventato servitore dei circoncisi per mostrare la fedeltà di Dio nel compiere le promesse dei padri; le genti invece glorificano Dio per la sua misericordia, come sta scritto: «Per questo ti loderò fra le genti e canterò inni al tuo nome». E ancora: «Esultate, o nazioni, insieme al suo popolo». E di nuovo: «Genti tutte, lodate il Signore; i popoli tutti lo esaltino». E a sua volta Isaia dice: «Spunterà il rampollo di Iesse, colui che sorgerà a governare le nazioni: in lui le nazioni spereranno». Il Dio della speranza vi riempia, nel credere, di ogni gioia e pace, perché abbondiate nella speranza per la virtù dello Spirito Santo.

Commento al filmato: è stupefacente la bellezza di questo “Allegro-Grave-Fuga”del Concerto in Re min di Vivaldi da “L’Estro Armonico” trascritto per Organo da Bach; le armonie entusiasmanti di questo straordinario strumento ci fanno vivere con esultanza il discorso di San Paolo ai Romani:

E a sua volta Isaia dice: Spunterà il rampollo di Iesse, colui che sorgerà a governare le nazioni: in lui le nazioni spereranno. Il Dio della speranza vi riempia, nel credere, di ogni gioia e pace, perché abbondiate nella speranza per la virtù dello Spirito Santo.

VANGELO Lc 3, 1-18

✠ Lettura del Vangelo secondo Luca

Nell’anno quindicesimo dell’impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetrarca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetrarca dell’Iturea e della Traconìtide, e Lisània tetrarca dell’Abilene, sotto i sommi sacerdoti Anna e Caifa, la parola di Dio venne su Giovanni, figlio di Zaccaria, nel deserto. Egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati, com’è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaia: «Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri! Ogni burrone sarà riempito, ogni monte e ogni colle sarà abbassato; le vie tortuose diverranno diritte e quelle impervie, spianate. Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!». Alle folle che andavano a farsi battezzare da lui, Giovanni diceva: «Razza di vipere, chi vi ha fatto credere di poter sfuggire all’ira imminente? Fate dunque frutti degni della conversione e non cominciate a dire fra voi: “Abbiamo Abramo per padre!”. Perché io vi dico che da queste pietre Dio può suscitare figli ad Abramo. Anzi, già la scure è posta alla radice degli alberi; perciò ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco». Le folle lo interrogavano: «Che cosa dobbiamo fare?». Rispondeva loro: «Chi ha due tuniche ne dia a chi non ne ha, e chi ha da mangiare faccia altrettanto». Vennero anche dei pubblicani a farsi battezzare e gli chiesero: «Maestro, che cosa dobbiamo fare?». Ed egli disse loro: «Non esigete nulla di più di quanto vi è stato fissato». Lo interrogavano anche alcuni soldati: «E noi, che cosa dobbiamo fare?». Rispose loro: «Non maltrattate e non estorcete niente a nessuno; accontentatevi delle vostre paghe». Poiché il popolo era in attesa e tutti, riguardo a Giovanni, si domandavano in cuor loro se non fosse lui il Cristo, Giovanni rispose a tutti dicendo: ««Io vi battezzo con acqua; ma viene colui che è più forte di me, a cui non sono degno di slegare i lacci dei sandali. Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Tiene in mano la pala per pulire la sua aia e per raccogliere il frumento nel suo granaio; ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile». Con molte altre esortazioni Giovanni evangelizzava il popolo.

Commento al filmato: è stupendo, travolgente questo “Presto” della Sinfonia in Fa min “La Passione” di Haydn, le sue note frementi, raccontano con toni irruenti  l’annuncio del Battista:

Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri! Ogni burrone sarà riempito, ogni monte e ogni colle sarà abbassato; le vie tortuose diverranno diritte e quelle impervie, spianate. Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!

dopo l’imponente solennità degli accordi dell’Orchestra che racconta l’insegnamento di Giovanni alle folle che lo interrogano, i due Violini, la Viola da Gamba e l’orchestra nello spettacolare “Adagio e Spiccato”del Concerto in Sol min di Vivaldi, si scatenano nell’annuncio finale del Battista:

«Io vi battezzo con acqua; ma viene colui che è più forte di me, a cui non sono degno di slegare i lacci dei sandali. Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Tiene in mano la pala per pulire la sua aia e per raccogliere il frumento nel suo granaio; ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.