Location,TX 75035,USA

6 Gennaio 2023 Epifania del Signore Omelia di don Angelo

ArteMusicaPoesia

6 Gennaio 2023 Epifania del Signore Omelia di don Angelo

Àlzati, rivestiti di luce

6 gennaio 2023 Epifania

Omelia di don Angelo

Epifania, manifestazione. O, forse meglio epifanie. E così subito dilatiamo al plurale, svelamenti Oggi i magi; tra poco saremo chiamati a celebrare lo svelamento nelle acque del Giordano; e poi nell’ebbrezza del vino a una festa di nozze a Cana di Galilea; e.di svelamento in svelamento, sino allo svelamento negli occhi di un centurione pagano di sotto la croce, nel cuore di un ladrone, ladrone tenero, sulla croce a fianco: non si vedevano, ma si parlarono. Lui disse: “Ricordati di me. Signore, nel tuo regno” Poi fu svelamento negli occhi di Maria di Magdala, alle prime luci dell’alba, nel giardino della risurrezione.

Ma oggi sostiamo con i Magi, in un racconto che Matteo ha tessuto come scriba sapiente: ogni volta ci stupisce come Matteo sia riuscito a trasfigurare una realtà, sino a farla diventare storia di sempre. Per questo io ora non farò che rileggere con voi il racconto, intravvedendo tracce delle nostre notti e dei nostri cammini.

Quest’anno mi è sorta in cuore una domanda: “Perché mai i magi sono finiti nei presepi?”. Giuseppe aveva poi trovato una casa. Matteo racconta di una casa, di magi “entrati in casa”. Forse il presepe sembrava troppo disadorno: lo sguardo stupito dei pastori, poi nulla, troppo poco. Il Messia nel poco. Con i magi il presepe si accende. Si accende ancor più se mettiamo in permanenza una stella su quel rifugio, trovato con il cuore in gola da Giuseppe, in una notte in cui il cielo era un prato di stelle, ma nessuna che si avventurasse a far segnali sulla terra. L’eco della manifestazione nella mangiatoia durò il tempo minuscolo di un passaparola nella città. Un brivido di stupore in quei pochi che ebbero l’avventura di incrociare i pastori e di ascoltarne il racconto. Poi non ci furono processioni dal vicinato.

Si misero in cammino, invece, da lontano dei magi. E questo si è da stupore: che vengano da lontano. ”Da oriente”, il paese delle origini, può essere il tuo;  anche tu hai avuto origini. A stupire i magi una stella, l’avevano vista spuntare, era gente che interrogava i cieli. “Spuntare”: pensate, bastò uno spuntare, un minimo di stella, per farli partire. Non c’era assicurazione che la stella avrebbe fatto loro strada per tutto il cammino e infatti si assentò. Così anche per noi: giorni di un minimo di stelle e giorni in assenza di stelle.  Ma loro non erano solo sognatori, erano di quelli che non demordono, uomini di insonni domande e di assetate ricerche. Ti salva la domanda, ti salva la ricerca: “Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei?” Sei salvo finche hai una domanda. Anche se la domanda – e dobbiamo riconoscerlo – non ti mette al sicuro dal cercare a volte nei posti sbagliati, che sono poi quelli codificati: l’ovvietà. A loro parve ovvio cercare il re dei Giudei nella grande città, che delusione! Il profeta aveva spinto con le sue parole: ”Alzati,vestititi di luce”. Nessuno ad alzarsi:  non il re Erode, sua unica preoccupazione salvaguardare il potere; non i sacerdoti, cui altro non rimaneva che declamare testi;  né la città, infastidita alla domanda degli stranieri, quasi dicesse – e capita ancora oggi – : “Vuoi che non lo sappiamo noi?”. Ma in quel totale disinteresse, dalle pagine sacre – quelle che noi siamo qui anche oggi a interrogare – era filtrato un nome: Betlemme. Anche a noi a volte accade che dalle pagine si accendano nomi,  di luoghi di manifestazioni del divino.

Loro i magi si tengono il nome e riprendono il cammino, ora sanno che il re dei Giudei non è nato, come sospettavano, nella grande città, ma in una piccola, le periferie. Poco dopo scopriranno che non abita una reggia. Abita una casa. Da stupore anche  che sia in una casa senza targhe, senza indizi che avvertano della presenza del divino. Adorare in una casa.

Una casa, capite, dove in programma non sono liturgie, in programma è la vita, i riti  che noi chiamiamo le faccende di casa, della vita. Entrano nella casa, .adorano. Bellissimo, adorano il Divino in una casa. Non ci sono parole nel racconto, solo silenzi. Le parole saranno uscendo: un avviso a prendere un’altra strada. Di loro non sapremo più nulla, li vediamo andare. Tu non sai del fuoco che si portavano dentro  – vorrei portarlo io – ; inventarono strade. E nessuna stella, se non quella dentro, a soccorrerli. Dio si era dato loro in una casa.

Una casa qualunque, casa abitata e,  di lì a poco,  lasciata di fretta, perché quel giorno non era rimasto immobile, fermo all’ora dell’adorazione. Nemmeno per noi i giorni  rimangono fermi a una sola ora. Nella casa di Betlemme venne presto notte e fu notte di fuga. E’scritto: “Essi erano appena partiti, quando un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: “Àlzati, prendi con te il bambino e sua madre, fuggi in Egitto e resta là finché non ti avvertirò: Erode infatti vuole cercare il bambino per ucciderlo”. Egli si alzò, nella notte, prese il bambino e sua madre e si rifugiò in Egitto”.

“Si alzò…”. Sosto al verbo che oggi dava inizio alla profezia, mi suona come un invito: “Alzati. Rivestiti di luce…”. Si alzano i pastori nella notte dei greggi, si alzano i magi nella notte dell’oriente, si alza Giuseppe nella notte della  casa di Betlemme.

“Alzarsi” non è un verbo contro il sonno, o contro i sogni, di cui abbiamo bisogno. E’ verbo contro il torpore, l’abulia, l’apatia, l’indolenza. E’ il verbo di coloro che si mettono in cammino verso l’epifania del Signore e le mille epifanie della vita, là dove si nasconde il divino: “i fuochi in lontananza dei bivacchi / più vividi che astri…”, scrive Mario Luzi in una sua poesia. Vi lascio con alcuni suo versi:

“In una notte come questa,

in una notte come questa l’anima,

mia compagna fedele inavvertita

nelle ore medie

nei giorni interni grigi delle annate,

levatasi fiutò la notte tumida

di semi che morivano, di grani

che scoppiavano, ravvisò stupita

i fuochi in lontananza dei bivacchi

più vividi che astri. Disse: è l’ora.

Ci mettemmo in cammino a passo rapido,

per via ci unimmo a gente strana”.

Ci mettemmo in cammino a passo rapido, / per via ci unimmo a gente strana.

Le Letture

LETTURA Is 60, 1-6

Lettura del profeta Isaia

In quei giorni. Isaia disse: «Àlzati, rivestiti di luce, perché viene la tua luce, la gloria del Signore brilla sopra di te. Poiché, ecco, la tenebra ricopre la terra, nebbia fitta avvolge i popoli; ma su di te risplende il Signore, la sua gloria appare su di te. Cammineranno le genti alla tua luce, i re allo splendore del tuo sorgere. Alza gli occhi intorno e guarda: tutti costoro si sono radunati, vengono a te. I tuoi figli vengono da lontano, le tue figlie sono portate in braccio. Allora guarderai e sarai raggiante, palpiterà e si dilaterà il tuo cuore, perché l’abbondanza del mare si riverserà su di te, verrà a te la ricchezza delle genti. Uno stuolo di cammelli ti invaderà, dromedari di Madian e di Efa, tutti verranno da Saba, portando oro e incenso e proclamando le glorie del Signore».

Commento al filmato:i due Oboi e i due Clarinetti in dialogo serrato con l’Orchestra del Concerto in Do Magg di Vivaldi, cantano con note gioiose, esultantila Gloria del Signore: «Uno stuolo di cammelli ti invaderà, dromedari di Màdian e di Efa, tutti verranno da Saba, portando oro e incenso e proclamando le glorie del Signore.»

SALMO Sal 71 (72)

Ti adoreranno, Signore, tutti i popoli della terra.

O Dio, affida al re il tuo diritto,

al figlio di re la tua giustizia;

egli giudichi il tuo popolo secondo giustizia

e i tuoi poveri secondo il diritto. R

Nei suoi giorni fiorisca il giust

e abbondi la pace,

finché non si spenga la luna.

E dòmini da mare a mare,

dal fiume sino ai confini della terra. R

I re di Tarsis e delle isole portino tributi,

i re di Saba e di Seba offrano doni.

Tutti i re si prostrino a lui,

lo servano tutte le genti. R

Commento al filmato: il dialogo sereno, fiducioso del Violino con il Clavicembalo nella Sonata in Do di Mozart, racconta con toni appassionati il Responsoriale Ti adoreranno, Signore, tutti i popoli della terra tratto dal Salmo 72/71:

«Perché egli libererà il misero che invoca e il povero che non trova aiuto.»

EPISTOLA Tt 2, 11 – 3, 2

Lettera di san Paolo apostolo a Tito

Carissimo, è apparsa infatti la grazia di Dio, che porta salvezza a tutti gli uomini e ci insegna a rinnegare l’empietà e i desideri mondani e a vivere in questo mondo con sobrietà, con giustizia e con pietà, nell’attesa della beata speranza e della manifestazione della gloria del nostro grande Dio e salvatore Gesù Cristo. Egli ha dato se stesso per noi, per riscattarci da ogni iniquità e formare per sé un popolo puro che gli appartenga, pieno di zelo per le opere buone. Questo devi insegnare, raccomandare e rimproverare con tutta autorità. Nessuno ti disprezzi! Ricorda loro di essere sottomessi alle autorità che governano, di obbedire, di essere pronti per ogni opera buona; di non parlare male di nessuno, di evitare le liti, di essere mansueti, mostrando ogni mitezza verso tutti gli uomini.

Commento al filmato: l’Organo del “Contrapunctus 9” da “l’Arte della Fuga” di Bach, con il rincorrersi delle “Voci”, narra con toni solenni e gioiosi, l’insegnamento di san Paolo a Tito con la raccomandazione alla mitezza:

«Carissimo, è apparsa infatti la grazia di Dio, che porta salvezza a tutti gli uomini …. Ricorda loro di essere sottomessi alle autorità che governano, di obbedire, di essere pronti per ogni opera buona;»

VANGELO Mt 2, 1-12

✠ Lettura del Vangelo secondo Matteo

In quel tempo. Nato il Signore Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». All’udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta: E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero l’ultima delle città principali di Giuda: da te infatti uscirà un capo che sarà il pastore del mio popolo, Israele». Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo». Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Avvertiti in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese.

Commento al filmato: le note solenni, dell’Organo e dell’Orchestra nel Larghetto e staccatodel Concerto in Sol min di Händel, creano un’atmosfera religiosa, di contemplazione, nella lettura di questo brano del Vangelo di Matteo, ci invitano alla partecipazione dell’adorazione dei Magi:

«Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra.»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.