Location,TX 75035,USA

8 Maggio 2022 4a Domenica di Pasqua Omelia

ArteMusicaPoesia

8 Maggio 2022 4a Domenica di Pasqua Omelia

Il grano e il fiordaliso

8 maggio 2022 – Quarta domenica di Pasqua

Omelia di don Angelo

Quando lui, Gesù, le usava – dico, le parole  – non erano un “tanto per dire”, come succede talvolta a noi, o almeno a me. Nel brano di Giovanni, che oggi la Liturgia ci ha proposto, due sono le parole che ripetutamente si affacciano: la parola “amore” e la parola “amicizia”. E amore e amicizia sulle labbra di Gesù non erano di certo nomi astratti, andavano ad evocare pezzi di storia. Così come in noi: alle parole “amore” e “amicizia” si accendono storie e visi. In ciascuno di noi, nell’intimo di ognuno di noi. Per poi sconfinare.

Mi sono chiesto se non fu anche per un desiderio di concretezza, e per sfuggire a una evanescente astrattezza, che Gesù senza cesure abbia fatto richiamo alla vita.

“Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici”.

L’amore si traduce inesorabilmente in vita, in occhi, in mani, in gesti.

E sfioro e sosto brevemente sull’immagine delle mani. L’amore che si fa mani. Perchè? Perchè oggi nel salmo responsoriale mi ha molto colpito l’immagine delle mani. Succede che a volte una parola ti colpisca di più. Un versetto, un versetto solo. Sentitelo:

“Nelle tue mani, Signore, è la mia vita”.

Amare ed essere amati è una esperienza di mani, sentire le mani. Anche nell’ora, la più faticosa, quella del morire, grazia sarebbe poter sentire mani. Che alla fine diventano tenera icona di quelle di Dio. che tiene stretti nelle sue mani. Anche Gesù, dopo l’alto grido sulla croce, sentì amore di mani. Scrive Luca:

“Gesù, gridando a gran voce, disse: «Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito».

Detto questo, spirò”. Le mani che ti tolgono dalla solitudine. Ricordo versi giovanili di Padre David Maria Turoldo: “Io non ho mani / che mi accarezzino il volto”. Poi, per grazia, le ebbe.

Voi mi capite, mani come immagine di un’attenzione, di una cura, di una delicatezza da consegnare alla parola amore. Per non sfibrarla, impallidirla, svuotarla.

Oggi, proprio in questa luce, uno squarcio d’emozione si apriva nel brano degli Atti  degli Apostoli, dove veniva evocata la casa di Filippo, il settimo dei diaconi, e le sue quattro figlie che avevano il dono di profetare. Lì aveva trovato ospitalità Paolo. Ed ecco, qualche giorno dopo, arrivare un profeta di nome Àgabo, a profetizzare che a Gerusalemme i Giudei avrebbero legato Paolo e lo avrebbero consegnato nelle mani dei Romani. La casa fu piena di commozione, di insistenze perché Paolo non salisse a Gerusalemme. Già era accaduto a Tiro, stessa insistenza, là lo avevano accompagnato con mogli e figli sino alla spiaggia, là si erano inginocchiati prima che salpassero. Nella casa di Filippo fu commozione. E fu  pianto. L’amore a volte si fa pianto. E Paolo si sentiva spezzare il cuore. ”Disse loro:

«Perché fate così, continuando a piangere e a spezzarmi il cuore? Io sono pronto non soltanto a essere legato, ma anche a morire a Gerusalemme per il nome del Signore Gesù».

E poiché non si lasciava persuadére, smettemmo di insistere dicendo:

«Sia fatta la volontà del Signore!»”.

Tu leggi e non puoi non sognare una chiesa che diventi come la spiaggia di Tiro o la casa di Filippo a Cesarea. Dove non ci sia ombra di paternalismo,  di patriarcato, di dominio, di soggezione. Ma solo affetto, stima sincera, riconoscimento dei doni. Di tutti, donne e uomini, bambini e vecchi.

Ma ora vorrei fare una breve sosta sulla parola “amicizia”. Gesù ai suoi discepoli dice:

“Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi”.

Vi ho chiamati “amici”. Sulle labbra di Gesù nemmeno la parola “amico” era una parola tanto per dire. Se ripercorrerete i vangeli,  da  pagine e pagine, e non solo una, vi sgusceranno cenni preziosi, luminosi, sulle amicizie di Gesù.

Certo l’amicizia appartiene all’amore, ma ha un suo canto, ha un suo colore. L’amore universale, richiesto ai discepoli – ce lo dovremmo ricordare – non è scolorimento dell’amicizia. Che racconta reciprocità,  complicità di pensieri, di visioni, di sentimenti, di parole e di silenzi, di visibile e di sommerso. C’è, direbbe Dietrich Bonhoeffer, il campo di grano – e il pensiero mi corre ai campi di grano violati dell’Ucraina – ma c’è anche il fiordaliso, che vi cresce, necessario come il grano. ”Nessuno lo ha piantato, / nessuno lo ha innaffiato, / indifeso cresce in libertà”:  è l’amico per l’amico.

Ebbene io oggi vorrei con voi ringraziare il Signore per le amiche e gli amici. Rubo le parole – sono bellissime – a Mons. José Tolentino Mendonça, cardinale e poeta portoghese:

“Grazie, Signore, per gli amici che ci hai dato.

Per gli amici che ci fanno sentire amati senza un perché.

Che hanno quella dote speciale di farci sorridere. Che, pur chiedendoci poco, sanno tutto di noi. Che sanno il segreto delle piccole cose che ci fanno felici.

Grazie, Signore, per coloro che sentiamo profondamente al nostro fianco, ovunque noi ci troviamo: fidi, benevoli, esigenti, complici di memorie e di progetti, che condividono con noi inquietudini, afflizioni, lutti e anche confidenze gioiose, anche speranze indimenticabili.

Grazie, Signore, per quelle e quelli senza i quali camminare nella vita non sarebbe la stessa cosa. Che ci sopportano quando il mondo pare un posto incerto.

Che ci spronano al coraggio con la loro sola presenza.

Che ci sorprendono di proposito, perché trovano sbagliata troppa routine.

Che ci fanno vedere l’altro lato delle cose, un lato – diciamolo! – fantastico.

Che possono rimanere in silenzio al nostro fianco e questo non ci disturba, diventa anzi una forma straordinaria di comunione.

Grazie, Signore, per gli amici incondizionati. Quando non sono d’accordo con noi ma restano con noi.

Che attendono per tutto il tempo che sarà necessario.

Che perdonano ancor prima delle scuse.

Sono i fratelli e le sorelle che ci scegliamo.

Coloro che metti al nostro fianco perché ci rendano l’aerea luce della gioia. Che fanno arrivare fino a noi, Signore, l’imprevedibilità del tuo cuore”.

LETTURA At 21, 8b-14

Lettura degli Atti degli Apostoli

In quei giorni. Entrati nella casa di Filippo l’evangelista, che era uno dei Sette, restammo presso di lui. Egli aveva quattro figlie nubili, che avevano il dono della profezia. Eravamo qui da alcuni giorni, quando scese dalla Giudea un profeta di nome Àgabo. Egli venne da noi e, presa la cintura di Paolo, si legò i piedi e le mani e disse: «Questo dice lo Spirito Santo: l’uomo al quale appartiene questa cintura, i Giudei a Gerusalemme lo legheranno così e lo consegneranno nelle mani dei pagani». All’udire queste cose, noi e quelli del luogo pregavamo Paolo di non salire a Gerusalemme. Allora Paolo rispose: «Perché fate così, continuando a piangere e a spezzarmi il cuore? Io sono pronto non soltanto a essere legato, ma anche a morire a Gerusalemme per il nome del Signore Gesù». E poiché non si lasciava persuadére, smettemmo di insistere dicendo: «Sia fatta la volontà del Signore!».

Commento al filmato:le melodie dolcissime di questo stupendo, luminoso, “Grave Assai”del Concerto in Re di Vivaldi, cantano con toni di speranza e di affidamento alla volontà del Signore, la profezia dell’arresto e della messa in catene di Paolo a Gerusalemme: 

Allora Paolo rispose:

«Perché fate così, continuando a piangere e a spezzarmi il cuore? Io sono pronto non soltanto a essere legato, ma anche a morire a Gerusalemme per il nome del Signore Gesù». E poiché non si lasciava persuadere, smettemmo di insistere dicendo:

«Sia fatta la volontà del Signore!».

SALMO Sal 15 (16)

Nelle tue mani, Signore, è tutta la mia vita.

Oppure Alleluia, alleluia, alleluia.

Il Signore è mia parte di eredità e mio calice:

nelle tue mani è la mia vita.

Per me la sorte è caduta su luoghi deliziosi:

la mia eredità è stupenda. R

Benedico il Signore che mi ha dato consiglio;

anche di notte il mio animo mi istruisce.

Io pongo sempre davanti a me il Signore,

sta alla mia destra, non potrò vacillare. R

Per questo gioisce il mio cuore

ed esulta la mia anima;

anche il mio corpo riposa al sicuro. R

Mi indicherai il sentiero della vita,

gioia piena alla tua presenza,

dolcezza senza fine alla tua destra. R

Commento al filmato: è un dialogo intimo, di una bellezza splendente – il salmista si affida interamente al Signore“Nelle tue mani, Signore, è tutta la mia vita.”; le note dolcissime, intense, appassionate del Pianoforte in dialogo con l’Orchestra nello stupendo “Siciliano”del Concerto in Mi di Bach, cantano:

Mi indicherai il sentiero della vita,

gioia piena alla tua presenza,

dolcezza senza fine alla tua destra.

EPISTOLA Fil 1, 8-14

Lettera di san Paolo apostolo ai Filippesi

Fratelli, Dio mi è testimone del vivo desiderio che nutro per tutti voi nell’amore di Cristo Gesù. E perciò prego che la vostra carità cresca sempre più in conoscenza e in pieno discernimento, perché possiate distinguere ciò che è meglio ed essere integri e irreprensibili per il giorno di Cristo, ricolmi di quel frutto di giustizia che si ottiene per mezzo di Gesù Cristo, a gloria e lode di Dio. Desidero che sappiate, fratelli, come le mie vicende si siano volte piuttosto per il progresso del Vangelo, al punto che, in tutto il palazzo del pretorio e dovunque, si sa che io sono prigioniero per Cristo. In tal modo la maggior parte dei fratelli nel Signore, incoraggiati dalle mie catene, ancor più ardiscono annunciare senza timore la Parola.

Commento al filmato:è grande la tenerezza con cui san Paolo esorta “i fratelli” ad annunciare il Vangelo – la sofferenza procuratagli dalle “catene”è un incoraggiamento per loro – le note dolcissime, suadenti, del Pianoforte nella splendida “Sarabande” dalla “Suite” in Do min di Bach, cantano con toni appassionati:

Fratelli, Dio mi è testimone del vivo desiderio che nutro per tutti voi nell’amore di Cristo Gesù.

VANGELO Gv 15, 9-17

✠ Lettura del Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo. Il Signore Gesù disse ai discepoli: «Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena. Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi. Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri».

Commento al filmato:questo splendido dolcissimo “Adagio”del Concerto oin Si b Magg di Albinoni, canta con toni di grande tenerezza il Comandamento di Gesù:

«Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.