Location,TX 75035,USA

Salmo 144

ArteMusicaPoesia

Salmo 144

Salmi – Capitolo 144

Inno per la guerra e la vittoria

[1]Di Davide.

Benedetto il Signore, mia roccia,
che addestra le mie mani alla guerra,
le mie dita alla battaglia.
[2]Mia grazia e mia fortezza,
mio rifugio e mia liberazione,
mio scudo in cui confido,
colui che mi assoggetta i popoli.

[3]Signore, che cos’è un uomo perché te ne curi?
Un figlio d’uomo perché te ne dia pensiero?
[4]L’uomo è come un soffio,
i suoi giorni come ombra che passa.

[5]Signore, piega il tuo cielo e scendi,
tocca i monti ed essi fumeranno.
[6]Le tue folgori disperdano i nemici,
lancia frecce, sconvolgili.
[7]Stendi dall’alto la tua mano,
scampami e salvami dalle grandi acque,
dalla mano degli stranieri.
[8]La loro bocca dice menzogne
e alzando la destra giurano il falso.
[9]Mio Dio, ti canterò un canto nuovo,
suonerò per te sull’arpa a dieci corde;
[10]a te, che dai vittoria al tuo consacrato,
che liberi Davide tuo servo.
Salvami dalla spada iniqua,
[11]liberami dalla mano degli stranieri;
la loro bocca dice menzogne
e la loro destra giura il falso.

[12]I nostri figli siano come piante
cresciute nella loro giovinezza;
le nostre figlie come colonne d’angolo
nella costruzione del tempio.
[13]I nostri granai siano pieni,
trabocchino di frutti d’ogni specie;
siano a migliaia i nostri greggi,
a mirìadi nelle nostre campagne;
[14]siano carichi i nostri buoi.
Nessuna breccia, nessuna incursione,
nessun gemito nelle nostre piazze.
[15]Beato il popolo che possiede questi beni:
beato il popolo il cui Dio è il Signore.

Psalm 144

Of David.

Praise be to the Lord my Rock,
    who trains my hands for war,
    my fingers for battle.
He is my loving God and my fortress,
    my stronghold and my deliverer,
my shield, in whom I take refuge,
    who subdues peoplesa] under me.

Lord, what are human beings that you care for them,
    mere mortals that you think of them?
They are like a breath;
    their days are like a fleeting shadow.

Part your heavens, Lord, and come down;
    touch the mountains, so that they smoke.
Send forth lightning and scatter the enemy;
    shoot your arrows and rout them.
Reach down your hand from on high;
    deliver me and rescue me
from the mighty waters,
    from the hands of foreigners
whose mouths are full of lies,
    whose right hands are deceitful.

I will sing a new song to you, my God;
    on the ten-stringed lyre I will make music to you,
10 to the One who gives victory to kings,
    who delivers his servant David.

From the deadly sword 11 deliver me;
    rescue me from the hands of foreigners
whose mouths are full of lies,
    whose right hands are deceitful.

12 Then our sons in their youth
    will be like well-nurtured plants,
and our daughters will be like pillars
    carved to adorn a palace.
13 Our barns will be filled
    with every kind of provision.
Our sheep will increase by thousands,
    by tens of thousands in our fields;
14     our oxen will draw heavy loads.b]
There will be no breaching of walls,
    no going into captivity,
    no cry of distress in our streets.
15 Blessed is the people of whom this is true;
    blessed is the people whose God is the Lord.

Commento al filmato: uno stupendo Inno che Davide eleva a Dio “che addestra le mie mani alla guerra, le mie dita alla battaglia.” – Un emozionante “Aria: Lento”, di splendente bellezza, da “Preludio Aria e Finale” di César Franck canta con il salmista armonie ineffabili:

Benedetto il Signore, mia roccia, che addestra le mie mani alla guerra, le mie dita alla battaglia. …….. [3]Signore, che cos’è un uomo perché te ne curi? Un figlio d’uomo perché te ne dia pensiero [4]L’uomo è come un soffio, i suoi giorni come ombra che passa. ………. [9]Mio Dio, ti canterò un canto nuovo, suonerò per te sull’arpa a dieci corde; [10]a te, che dai vittoria al tuo consacrato, che liberi Davide tuo servo. ……… [15]Beato il popolo che possiede questi beni: beato il popolo il cui Dio è il Signore.

-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Commentary on the video: a beautiful Hymn that David raises to God “who trains my hands for war, my fingers for battle.” – An exciting “Aria: Lento”, of resplendent beauty, from César Franck’s “Prelude Aria and Finale” sings ineffable harmonies with the psalmist:

Blessed be the Lord, my rock, who trains my hands for war, my fingers for battle. …….. [3]Lord, what is a man why do you care about him? A son of man to give you thought [4] Man is like a breath, his days like a passing shadow. ………. [9] My God, I will sing you a new song, I will play for you on the ten-string harp; [10] to you who give victory to your anointed one, who free David your servant. ……… [15] Blessed are the people who possess these goods: blessed are the people whose God is the Lord.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.